Redazione Paese24.it

Trebisacce, mareggiate devastano “108”. Nulla è stato fatto per ridurre l’erosione costiera

Trebisacce, mareggiate devastano “108”. Nulla è stato fatto per ridurre l’erosione costiera
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il mare continua a flagellare la spiaggia di Trebisacce ed a mangiarsi quel poco di litorale che ha resistito finora all’erosione costiera. Niente infatti di quanto si era detto è stato realizzato per ridurre la ricorrente devastazione della costa, nonostante gli impegni solennemente assunti dall’assessore regionale ai Lavori Pubblici ed i sopralluoghi effettuati sul posto dagli amministratori e dai tecnici.

Nei giorni scorsi il mare, sotto la spinta dello scirocco, è tornato infatti ad alzare la voce ed a dare prova della sua potenziale forza devastatrice, mettendo in allarme i pescatori che ancora una volta hanno dovuto tirare a secco (sul Lungomare) le reti e le barche e ricordando a tutti gli abitanti del Lungomare ed ai proprietari dei lidi i gravi danni inferti ed i pericoli corsi negli anni scorsi.

In pratica la strada di “108” (nella foto), che sottende il verde attrezzato e gli impianti sportivi non esistono più perché il mare ne ha fatto piazza pulita insieme ai marciapiedi e all’impianto di pubblica illuminazione. Questa volta, per fortuna, il mare non ha raggiunto forza 8/9 degli anni scorsi ma si è limitato a mandare un preciso avvertimento a quanti hanno la memoria corta ed hanno rimosso i disastri inferti dalle mareggiate negli ultimi due o tre anni.

A caldo sono state collezionate foto, girate riprese filmate e redatto un lungo elenco di danni che sono poi stati trasmessi, a suffragio della richiesta di interventi urgenti, al Ministero (Opere Marittime), alla Regione (Protezione Civile) ed alla Provincia (Ufficio del Territorio). Finora però nessun intervento è stato disposto e finanziato. In realtà interventi sostanziosi ed anche incisivi sono stati realizzati altrove (Montegiordano, Roseto Capo Spulico…), ma Trebisacce anche questa volta è rimasta a secco. E’ vietato, certo, soprattutto in questa fase critica delle finanze pubbliche, tornare a parlare della costruzione di un porticciolo per il turismo da diporto e per il rifugio delle barche, per il quale sono già pronti e depositati ben due progetti, ma è legittimo pretendere che ai ricorrenti danni del mare venga posto un argine prima che la sua forza demolitrice faccia ulteriori danni.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *