Redazione Paese24.it

Trebisacce, alcuni sindaci pronti a “salvare” Giudice di Pace. Sacrificio economico per cittadini

Trebisacce, alcuni sindaci pronti a “salvare” Giudice di Pace. Sacrificio economico per cittadini
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Una cordata istituzionale per cercare di salvare l’Ufficio del Giudice di Pace di Trebisacce (nella foto) che rischia di essere chiuso e di fare quindi la stessa fine di tante altre strutture pubbliche sacrificate alla solita logica della lesina. L’ha promossa il sindaco della città Francesco Mundo il quale ha riunito i sindaci dell’Alto Jonio per discutere di questo problema e per cercare, facendo squadra, di scongiurare questo ennesimo scippo al territorio.

Introducendo i lavori il sindaco di Trebisacce, ha illustrato quanto prevede la legge varata dal Governo tecnico, evidenziando come ancora una volta i comuni debbano sopportare tagli di spesa e debbano far ricorso alla leva fiscale sui cittadini per poter garantire servizi essenziali come la Giustizia, che dovrebbe essere a totale carico dello Stato. I sindaci del comprensorio, valutata la funzione essenziale che svolge questo presidio della legalità ed i disagi che i cittadini dell’Alto Jonio, soprattutto quelli delle aree interne, dovrebbero affrontare per recarsi a Castrovillari per ogni tipo di pendenza giudiziaria, sebbene tutti i comuni presentino difficoltà finanziarie, hanno manifestato la propria disponibilità ad evitare un altro scippo all’Alto Jonio Cosentino.

In particolare i sindaci di Trebisacce (Mundo) e di Oriolo (Colotta), anche in qualità di avvocati di professione, sono stati delegati ad accertare le spese a carico dei singoli comuni ed a predisporre un piano di razionalizzazione del servizio con relativa suddivisione delle spese, con l’obiettivo di scongiurare questo rischio.

Pino La Rocca

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *