Redazione Paese24.it

Trebisacce, ex ospedale. Avviato servizio di Riabilitazione, però mancano i fisioterapisti

Trebisacce, ex ospedale. Avviato servizio di Riabilitazione, però mancano i fisioterapisti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
L'ex ospedale di Trebisacce

L’ex ospedale di Trebisacce

Avviato il servizio di Riabilitazione annesso alla Lungodegenza presso l’ex ospedale di Trebisacce, ma mancano, a distanza di ben otto mesi dalla sua istituzione, i fisioterapisti da utilizzare per effettuare le varie terapie ai pazienti previste dal Decreto 106/2012. Il sindaco della città Francesco Mundo, privilegiando ancora una volta il metodo della concertazione istituzionale, ha scritto al direttore generale dell’Asp di Cosenza dottor Gianfranco Scarpelli chiedendo che venga coperta questa evidente lacuna che in pratica impedisce al centro di Riabilitazione di dare le giuste risposte ai pazienti.

MARMI GROUP«Dopo molti incontri, – ha scritto il sindaco Mundo a Scarpelli – purtroppo ancora non sono stati individuati i fisioterapisti da utilizzare nella Divisione di Lungodegenza presso il CPTT Trebisacce, né si comprende come quelli in servizio nella locale Unità Operativa, non vengano utilizzati nella Divisione di Riabilitazione. Così come – osserva l’avvocato Mundo – ancora più grave appare il fatto che gli operatori sanitari provenienti da altre sedi sono stati assegnati all’Unità Operativa Territoriale e non alla Divisione di Lungodegenza. Per tali motivi – conclude il primo cittadino – si chiede di voler disporre con urgenza l’utilizzo di almeno due fisioterapisti alla diretta dipendenza della Divisione di Lungodegenza, la qual cosa consentirebbe una migliore articolazione del servizio ed una migliore offerta sanitaria».

E’ sin troppo facile, osservano molti cittadini, soprattutto anziani, che si rivolgono al sistema sanitario nazionale perché impossibilitati per ristrettezze economiche ad accedere alle strutture private, buttare fumo negli occhi ed istituire “sulla carta” strutture pubbliche con nomi altisonanti (Casa della salute, Residenza sanitaria assistita, Centro di riabilitazione), senza disporre l’utilizzo dell’organico necessario a farle decollare.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *