Redazione Paese24.it

Trebisacce propone “Stazione unica appaltante” che operi per conto dei comuni limitrofi

Trebisacce propone “Stazione unica appaltante” che operi per conto dei comuni limitrofi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

trebisacce-comuneLa “stazione unica appaltante” quale espediente per aggregare i comuni più piccoli e per salvaguardare la coesione territoriale. E’ quello che sta provando a Trebisacce istituendo la stazione unica di committenza in materia di appalti pubblici introdotta dal Decreto “Salva-Italia”.

In questa ottica l’esecutivo comunale guidato dal sindaco Mundo, preso atto che a decorrere dal 31 marzo 2013 i comuni con popolazione inferiore a 5mila abitanti devono associarsi tra loro, o con i comuni vicini, e sperimentare nuove formule consortili, ha istituito la Centrale Unica di Committenza, altrimenti detta Stazione Unica Appaltante, per la gestione degli appalti in materia di lavori e di forniture di servizi. Un solo ufficio, insomma, con personale unificato, deve gestire tutte le complesse procedure burocratiche in materia di appalti di opere e servizi che finora venivano svolte dai singoli comuni, con l’obiettivo di ridurre i costi e di tenere lontani dagli “affari”, attraverso controlli più serrati, i tentacoli della delinquenza organizzata.

«Pur avendo preso atto – si legge nella delibera di Giunta con la quale è stata istituita la stazione unica di committenza – che Trebisacce, avendo una popolazione superiore a 5mila abitanti non sarebbe soggetto all’obbligo di cui all’art. 23 della Legge n. 214/2011, si intende istituire lo stesso una centrale unica di committenza che operi per conto di tutti i comuni limitrofi, e comunque vicini, inferiori a 5mila abitanti che intendano associarsi con Trebisacce».

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *