Redazione Paese24.it

Cetraro, il giornalista Ricucci torna libero dopo il sequestro in Siria

Cetraro, il giornalista Ricucci torna libero dopo il sequestro in Siria
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Amedeo Ricucci inviato in SiriaIl giornalista Amedeo Ricucci (nella foto), dopo diversi giorni di prigionia, è ritornato libero dopo il sequestro avvenuto in Siria lo scorso 4 aprile. A darne notizia è il Ministro degli Esteri. Ricucci, nato a Cetraro, in provincia di Cosenza 55 anni fa, in Rai dal 1993 e inviato speciale del programma “La storia siamo noi.” Era a capo di una troupe della quale facevano parte anche il fotografo Elio Colavolpe, il documentarista Andrea Vignali e la reporter freelance Susan Dabbous, impegnati in Siria da giorni a un reportage sperimentale dal titolo: “Silenzio, si muore.”

Il cronista di origine calabrese vive a Roma da anni, ma a Cetraro abitano ancora la madre e la sorella, Rossella, che è sposata con il presidente del Consiglio comunale Luigi Mari. Un’altra sorella e un fratello di Ricucci vivono fuori dalla Calabria. «Stiamo bene, stiamo tutti bene – ha dichiarato Ricucci – subito dopo la liberazione. Ci hanno trattato bene e non ci hanno torto nemmeno un capello. Eravamo in mano a un gruppo islamista armato che non fa parte dell’Esercito libero siriano. E’ stato un malinteso – sottolinea Ricucci – anche perché all’inizio ci hanno presi per spie e volevano controllare quello che avevamo girato. Temevano che avessimo filmato la loro base logistica, ma ci hanno messo un sacco di tempo. In Siria – ha poi concluso lo stesso Ricucci – è  in corso una guerra civile e di spie sia da una parte che dall’altra.» Sospiro di sollievo nell’intera comunità di Cetraro, luogo di origine del collega Ricucci, per la liberazione avvenuta stamani (sabato 13 aprile 2013). Il rientro in Italia dei quattro giornalisti, trattenuti in Siria, è previsto in serata.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *