Redazione Paese24.it

“Calabria for Africa” è pronta per la prossima missione

“Calabria for Africa” è pronta per la prossima missione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

calabria for africaSi  torna in Africa nel prossimo mese di maggio per ultimare due progetti importanti. L’Associazione regionale “Calabria for Africa”, nata  nel 2003 , continua il suo percorso di volontariato nello stato africano. Diversi sono stati finora i  progetti in quei territori dove esiste una forte carenza di strutture sanitarie e di lavoro. Oggi in collaborazione con altre due onlus “Noi per” con sede a Carpegna (PU) e “Pro Africa”  con sede a Fermo, si punta alla costruzione di un ambulatorio a Lilongwe nel Malawi e nel completamento dell’ospedale di Luanshya nello Zambia. E’ stato già spedito un container con il materiale occorrente per l’ambulatorio di Lilongwe  e nel frattempo si  presta  assistenza sanitaria e chirurgica presso un ospedale del posto.

“E’ vero che sono un medico ortopedico” dice il presidente della “Calabria for Africa”, Giuseppe Policriti, ma è anche vero che mi sono prestato a dar da mangiare ai bambini ed a occuparmi di tutto ciò che occorre. L’equipe per questa missione umanitaria  pronta a partire i primi di maggio, oltre che dal sottoscritto, è composta dall’infermiere professionale Graziani Flavio del P.O. di Rossano, il Prof. Emidio Grisostomi  di Fermo, il Prof Galante di Bari, l’anestesista Ceserina Grugni di Domodossola e poi Eugenio e Spartaco, due tecnici tutto fare.  La permanenza sarà di 20 giorni ed il nostro obiettivo è   dare assistenza a persone del posto che non hanno la possibilità economica per le cure e l’acquisto dei farmaci. Inoltre saremo attivi dal punto di vista chirurgico per tutti quei bambini con deformità agli arti i quali hanno poche possibilità di essere auto sufficienti. Molti bambini nascono con  malformazioni , soprattutto agli arti, perché i matrimoni avvengono spesso tra consanguinei, ciò è dovuto anche alle grandi difficoltà di spostarsi. Ad aspettarci le suore  missionarie che nel resto dell’anno programmano gli interventi da eseguire. Ci aspettano una trentina di interventi chirurgici, operiamo senza sosta dalla mattina al tardo pomeriggio, esclusa la domenica dedicata al riposo”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *