Redazione Paese24.it

Il “biondo” di Trebisacce su Linea Verde. Ma il prodotto oggi non ha più mercato

Il “biondo” di Trebisacce su Linea Verde. Ma il prodotto oggi non ha più mercato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Vigne di TrebisacceIl “biondo” di Trebisacce ieri mattina (domenica) è andato in onda su Rai 1 ed ha sedotto il conduttore di “Linea Verde” Fabrizio Gatta che, nel corso del collegamento, lo ha definito “un gioiello” ed ha raccomandato ai suoi interlocutori di proteggerne la specie e di rilanciarne la produzione.

Parliamo di una specie autoctona di arancia tardiva, dal profumo seducente, dall’abbondante succo e dal sapore sapido che fin dall’antichità viene coltivata negli aranceti (cosiddette vigne) di Trebisacce laddove, grazie alla vicinanza del mare e ad un particolare micro-clima, è soggetto ad una produzione tardiva, nel senso che i suoi frutti arrivano a maturazione da aprile fino a luglio, cioè quando le altre qualità di arance non sono più sul mercato.

Ieri mattina, nel corso di una puntata di Linea Verde dedicata all’Alto Jonio ed alla piane di Sibari e Policoro, la “troupe” di Linea Verde si è recata nelle caratteristiche “vigne” di Trebisacce e le telecamere di mamma-Rai hanno messo a fuoco un protagonista d’eccezione, ”il biondo tardivo di Trebisacce” che per anni ha contribuito a sostenere l’economia locale ed ha fatto la fortuna dei trebisaccesi proprietari delle vigne che, con il raccolto annuale delle arance, riuscivano a condurre un’esistenza familiare dignitosa e spesso a mantenere i figli all’università. Non era difficile, nel passato, trovare il biondo di Trebisacce fare bella mostra di sé ed essere molto ricercato nei mercati ortofrutticoli della Capitale e di altre città del centro-nord.

Oggi, nonostante qualche rara eccezione, il “biondo” di Trebisacce è caduto in bassa fortuna, è diventato un prodotto di nicchia che non regge più il mercato e che spesso viene coltivato solo per la comodità familiare. Piano piano, infatti, le proprietà, nel passaggio dai genitori ai figli, si sono parcellizzate (oggi ci sono circa 1.000 appezzamenti) ed è diventato sempre più difficile far funzionare il Consorzio dei Giardini che non è mai riuscito ad avviare una vera politica di marketing ed a vincere la concorrenza delle altre produzioni che nel frattempo sono aumentate con le importazioni dalla Spagna e dai Paesi del nord-Africa. In altri contesti geografici, specie quelli del centro-nord, laddove l’associazionismo funziona ancora, il biondo sarebbe stato tutelato e sicuramente catalogato come IGP. A Trebisacce, invece, non si è mai riusciti a creare una rete di salvataggio per un “cultivar” d’eccezione e per tutta la vasta area delle “vigne” che, se non si potenziano i sistemi di controllo e di tutela, rischia anche di essere invasa dal cemento.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *