Redazione Paese24.it

Trebisacce, Club Unesco puntualizza: «Lavoreremo per l’intero comprensorio»

Trebisacce, Club Unesco puntualizza: «Lavoreremo per l’intero comprensorio»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Trebisacce - centro storico

Trebisacce – centro storico

Il neonato club Unesco di Trebisacce, costituitosi lo scorso 30 dicembre, si presenta alle associazioni del territorio mediante una lettera a firma del presidente Franco Maurella.

“Accogliamo con piacere questo nuovo Club, in un territorio ricchissimo d storia, di arte e di tradizioni,  di risorse umane  che tanto più devono essere catalizzate  e valorizzate”, così recitava la lettera ufficiale, a firma del presidente pro-tempore FICLU (Federazione Italiana Club e Centri Unesco), Maria Luisa Stringa che di fatto battezza il nuovo club, che con gli altri 3700 circa presenti in tutto il mondo avrà l’onere e l’onore di promuovere e valorizzare i territori di riferimento.

Il club Unesco del “Vulture”, presieduto da Anna Teresa Rondinella, riconfermata segretaria nazionale della Ficlu ed il club Unesco di Palmi, presieduto da Rocco Militano, sono stati i club “padrini”, ovvero presentatori verso la Federazione, del costituito club Unesco di Trebisacce.

La lettera alle associazioni è anche occasione per chiarire una recente polemica che ha accompagnato la nascita del club di Trebisacce, in virtù del fatto che qualche mese addietro, a luglio, ad Amendolara, alcuni sindaci dalla Calabria Citra stavano gettando le basi per giungere più o meno allo stesso obiettivo.

«Ciò non toglie che, al di la del nome della località – scrive Maurella – questo Club Unesco ha l’intento di operare con visione comprensoriale delle proprie attività, considerato il consistente patrimonio archeologico, storico, architettonico e paesaggistico di cui è dotato il territorio oltre che della fiorente e preziosa presenza di associazioni socio – culturali, di categoria e di volontariato».

«E’ appena il caso di puntualizzare – continua il giornalista e presidente del club – che nella richiesta di costituzione era stato chiesto di poterlo iscrivere come Club Unesco “Alto Jonio – Sibaritide”. Tale richiesta non è stata accolta dalla Federazione Italiana che ha imposto il nome della località che fisicamente ospita il club».

Vincenzo La Camera

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *