Redazione Paese24.it

Calcio, Giovanissimi. Tra Castrovillari e Cassano è pari. Ma l’arbitro cambia il risultato

Calcio, Giovanissimi. Tra Castrovillari e Cassano è pari. Ma l’arbitro cambia il risultato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

partitaLa partita termina sul campo in pareggio ma l’arbitro nel referto assegna la vittoria alla squadra di casa. Com’è possibile? E’ l’interrogativo che si sono posti gli ignari dirigenti e giocatori dello Scicchitano/Cesarini di Castrovillari e dello Young Boys Cassano nel leggere il comunicato n.40 della Delegazione Distrettuale di Rossano che riportava un esito diverso rispetto a quello del campo, in merito alla seconda di ritorno del campionato categoria allievi gir. “A”, disputata lo scorso 13 aprile sul campo di Civita.Gara terminata al termine degli 80 minuti regolamentari sul risultato di 3-3.

Evidentemente, non per il direttore di gara, il signor Barletta della Sezione AIA di Rossano, il quale ha deciso, motu proprio, di modificare il risultato della partita acquisito sul campo. Al momento non è dato sapere cosa abbia indotto la giovane giacchetta nera ad un simile macroscopico “errore”. Dagli organi calcistici territoriali competenti arriva la generica risposta: il risultato ufficiale, “inappellabile”, è quello comunicatoci dall’arbitro e quindi, tale rimane. Nemmeno quando le testimonianze dei giocatori e dirigenti delle due squadre, unitamente al supporto di immagini video dell’intera partita che confermano che sono stati realizzati 3 goals da una parte e 3 goals dall’altra, servono a restituire la verità dei fatti.Per l’arbitro la partita è terminata 4-2 per la formazione dello Scicchitano/Cesarini di Castrovillari.

Incredulo ed allibito il dirigente dello Young Boys Peppino Martire: “ il calcio è al capolinea! Mi chiedo come sia possibile che si verifichino cose del genere e si mantenga in vita un regolamento che da all’arbitro un potere discrezionale tale da  ribaltare persino un risultato chiaro”. Ma lo Young Boys, non ci sta e fa sapere che la società, non intende demordere ed è intenzionata a portare il caso all’attenzione degli organi superiori affinchè sia fatta piena luce.

Leonardo Guerrieri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *