Redazione Paese24.it

Plataci, la comunità arbëreshë si ritrova attorno alla Madonna di Costantinopoli

Plataci, la comunità arbëreshë si ritrova attorno alla Madonna di Costantinopoli
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Festa_Madonna_Costantinopoli plataciLa festa della Madonna di Costantinopoli è una delle festività religiose più amate e sentite dalla comunità platacese che per ben due volte l’anno, la domenica dopo la Pentecoste (quest’anno il 26 maggio) e la domenica successiva al primo martedì di novembre, si raccoglie intorno ad essa per celebrarla e chiedere la sua protezione. Come tutti i paesi interni e montani anche Plataci ha subito un selvaggio spopolamento a causa delle disagiate condizioni economiche e di posizionamento rispetto ai centri più importanti, e la celebrazione della Madonna è una piacevole occasione, soprattutto per chi non ha più legami familiari o di amicizie in paese, per ritornare alle proprie origini o degli avi e per pregare e chiedere la protezione della Madonna. Infatti, in occasione della celebrazione della festa si possono contare molti più platacesi emigrati che platacesi residenti.

Anche quest’anno, che il tempo è stato tutt’altro che clemente con temperature ora piacevoli e in linea con le medie stagionali e all’improvviso rovesci, vento e temperature quasi invernali, numerosi sono stati i devoti che si sono recati nel Santuario dedicato alla Madonna di Costantinopoli per seguire la funzione religiosa e poi accompagnare la Madonna in processione verso le vie del paese, celebrandola con preghiere, canti religiosi e balli con le “ndorce” (particolare composizione di ceri votivi). Preghiere e canti che trasmettono misticismo, devozione e coinvolgimento emotivo.

Nel pomeriggio la Madonna, dalla chiesa Madre è stata riportata, in processione, nel suo santuario sul cui sagrato ha avuto luogo l’incanto delle offerte votive. La giornata è terminata con lo spettacolo di fuochi pirotecnici.

 Caterina Dramisino

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *