Redazione Paese24.it

Pasquale Lamanna, intellettuale d’altri tempi figlio di Amendolara

Pasquale Lamanna, intellettuale d’altri tempi figlio di Amendolara
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

convegno lamanna amendolaraUn intellettuale discreto, a modo e con una spiccata intelligenza. Questo era Pasquale Lamanna, di cui Amendolara si pregia di avergli dato i natali. L’associazione “Oltre il mare ed un altro mare ancora” ha pensato bene di rispolverare questo personaggio per farlo conoscere alla cittadinanza. La presidente dell’associazione Claudia Panno con la collaborazione dei soci ha allestito un incontro-dibattito nella sala consiliare di Amendolara dove è stata analizzata la figura di questo illustre personaggio tramite testimonianze dirette di chi in qualche modo lo ha conosciuto e di chi ha letto i suoi scritti.

Un letterato d’altri tempi, Lamanna, vissuto tra il 1903 ed il 1990,  aveva letto ed approfondito tutta la letteratura italiana, conosceva in maniera approfondita la Divina Commedia di Dante e il suo pensiero è stato senza dubbio influenzato da Benedetto Croce e dalla cultura letteraria partenopea del tempo, che lo ha visto formarsi ed esercitare il ruolo di docente. Una costante attività culturale che si è interrotta per un periodo, a metà degli anni ’30, a causa di un’infermità mentale che lo colpì. A 28 anni pubblica un coraggioso saggio critico sul Petrarca ed ancora oggi è conosciuto e studiato il suo volume di Storia della letteratura italiana, pubblicato a Napoli nel 1946.

Hanno dibattuto sul professor Lamanna, sulle note dell’arpa celtica di Gloria Birardi e coordinati dalla dottoressa Claudia Panno, i dirigenti scolastici Masneri, Bellizzi e Santagada; don Franco Gimigliano, lo storico Rocco Laviola e il docente Unical Trebisacce. E’ emersa la figura di un persona garbata nei modi e nell’aspetto, uno studioso lontano da ogni tipo di improvvisazione ma profondo conoscitore di ciò che sosteneva.

Tanti suoi amici e concittadini lo incoraggiavano a concorrere per una cattedra universitaria, ipotesi da lui sempre disdegnata proprio a causa della sua mente già tanto provata.

Pasquale Lamanna rappresenta l’esempio di quella cultura “tout court“, tanto bistrattata oggi perchè lontana da immediati ritorni materiali, ma necessaria come base professionale per qualsiasi attività intellettuale.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *