Redazione Paese24.it

Rossano si ferma per i funerali delle due anziane signore investite di ritorno dalla chiesa

Rossano si ferma per i funerali delle due anziane signore investite di ritorno dalla chiesa
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

donne investite a rossano funeraliLa città di Rossano, ieri sera (mercoledì), si è fermata in segno di lutto per l’ultimo saluto alle due anziane donne investite, domenica scorsa, da una Lancia Lybra dinanzi alla Parrocchia Maria Madre della Chiesa in Contrada Petra allo Scalo cittadino. Anna Pirillo, 84 anni, è morta sul colpo, mentre Grazia Marchese, 83 anni,  è deceduta, dopo poche ore, all’ospedale civile “Nicola Giannettasio” di Rossano. Tanta gente si è stretta al dolore delle due famiglie. Lacrime e lunghi applausi hanno accompagnato le due bare dall’abitazione delle vittime fino alla chiesa dove sono stati celebrati i funerali.

Sono in corso, tuttora, le indagini, avviate dai Carabinieri diretti dal capitano Panebianco e dalla Polizia di Stato sotto la direzione del vice-questore aggiunto De Marco, per ricostruire l’accaduto. Da una prima sommaria ricostruzione dei fatti, sembra che le due anziane donne, le quali abitavano nel popoloso quartiere di Contrada Petra, nei pressi del luogo del violento sinistro mortale, si erano recate a pregare nel piazzale della parrocchia Maria Madre della Chiesa, dov’è ubicata una statua di San Pio da Pietralcina.

A quell’ora la chiesa è chiusa, ma le due donne, di solito, raggiungevano a piedi il piazzale per rivolgere le loro preghiere serali a Padre Pio. Stavano facendo rientro nelle rispettive abitazioni quando è passata l’auto che le ha investite. Una fatalità inaspettata che, in una fresca serata di primavera, ha portato via per sempre le due amiche di una vita che abitavano  nello stesso condominio. I cittadini di Contrada Petra, dopo l’ennesimo e tragico incidente stradale, chiedono, a gran voce, alle istituzioni comunali della città di mettere in sicurezza quel tratto stradale per evitare altre vittime in futuro.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *