Redazione Paese24.it

Cariati, i liceali del “Patrizi” in crociera per il mediterraneo

Cariati, i liceali del “Patrizi” in crociera per il mediterraneo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

liceo patrizi cariati crocieraAnche quest’anno, seguendo una consuetudine consolidata nel tempo, gli alunni delle quinte classi del Liceo Scientifico “Stefano Patrizi” di Cariati, hanno compiuto il viaggio d’istruzione all’estero. Infatti, sono partiti per una crociera, nel Mediterraneo Orientale, durata otto giorni. La comitiva dei liceali si è imbarcata a Bari, per salpare verso Katakolon, un piccolo villaggio di pescatori, situato nella parte occidentale della Grecia, bagnato dal Mar Ionio.

Il suo porto permette l’attracco delle navi da crociera per permettere agli ospiti di visitare il sito archeologico di Olimpia, dove sono nati i Giochi Olimpici. La nave ha fatto, poi, scalo a Smirne, città della Turchia centro-occidentale, titolare di un grande ed efficiente porto, situato sull’omonimo golfo del Mar Egeo. La città è tra le località che si contendono l’onore di essere il luogo natio del leggendario poeta Omero. Il viaggio è proseguito per la città di Istanbul, situata nel nord-ovest della Turchia, lungo lo stretto del Bosforo, alla cui estremità meridionale si trova il porto naturale del Corno d’Oro. La città, divisa dal Bosforo, si estende sia in Europa (Tracia) che in Asia (Anatolia), essendo l’unica metropoli al mondo appartenente a due continenti. L’altra città visitata è stata Dubrovnik, nella Croazia meridionale, situata lungo la costa della Dalmazia, annidata tra il Mar Adriatico e le Alpi Dinariche. La città, risorta dai danni della guerra degli anni ‘90, del secolo scorso, vanta un centro storico di particolare bellezza che figura nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità dell’ UNESCO. L’approdo in Italia ha permesso di visitare Venezia e poi Bari. Gli alunni sono stati accompagnati dal Dirigente Scolastico Giuseppe Spataro, coadiuvato dai docenti Vincenzo Ciccopiedi, Maria Rizzuti, Salvatore Vaglico e, per gli alunni del Liceo di Longobucco, Serafina Straface.

Ignazio Russo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *