Redazione Paese24.it

Rossano, 20.000 presenze per la “notte di primavera”. Antoniotti: «successo oltre le aspettative»

Rossano, 20.000 presenze per la “notte di primavera”. Antoniotti: «successo oltre le aspettative»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Uno scatto della "Notte di primavera 2013" che si è svolta sabato scorso a Rossano

Uno scatto della “Notte di primavera 2013” che si è svolta sabato scorso a Rossano

L’amministrazione comunale di Rossano si dichiara soddisfatta per i risultati raggiunti dall’edizione 2013 della “notte di primavera”. Secondo i dati della Questura, infatti, sono state all’incirca 20.000 le presenze totali per l’appuntamento notturno di sabato scorso, che ha saputo coniugare eventi che hanno attirato persone di target differenti e diverse fasce di età. Felici per le cifre registrate dall’appuntamento il sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti e l’assessore al turismo Guglielmo Caputo, che hanno ringraziato quanti hanno collaborato alla riuscita dell’evento, in particolare l’associazione rossanese “laboratorio giovani”.

«Un successo oltre ogni aspettativa – ha dichiarato Giuseppe Antoniotti – anche per questa seconda edizione della notte di primavera. Rossano e il territorio hanno gradito palesemente questa iniziativa. L’offerta di intrattenimento, ma anche di ristorazione, di svago e commerciale ha soddisfatto tutti. Un giro sulle vie interessate dalla manifestazione ha dimostrato, senza equivoci, che la formula scelta dall’assessorato al turismo è quella giusta e che questa è la strada che dobbiamo continuare a percorrere».

Nel contesto della manifestazione è stata inaugurata la statua “il mio tempo non fugge” di Enrico Franchi, installata allo scalo, in Piazza Lefosse nei pressi dell’ulivo. A seguire, sul palco, oltre alle esibizioni e agli spettacoli musicali, si è tenuto il pubblico encomio della squadra di Calcio a 5 Odissea 2000, neopromossa in Serie A2, premiata dal sindaco, dal vicesindaco e dall’assessore allo sport Giuseppe Librandi.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *