Redazione Paese24.it

Trebisacce, la chiusura dell’Ospedale approda al Parlamento Europeo

Trebisacce, la chiusura dell’Ospedale approda al Parlamento Europeo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Ciacci davanti all'UEIl caso della chiusura dell’ospedale di Trebisacce è entrato ufficialmente nella sfera d’interesse del Parlamento Europeo grazie ad una iniziativa promossa dalla cittadinanza dell’Alto Jonio e della dottoressa Rossella Ciacci (nella foto) di Trebisacce che ha preparato in poco tempo un voluminoso e dettagliato dossier.

Un dossier che è stato presentato il 13 giugno 2013 e che è accompagnato da tutta una serie di allegati che dimostrano come nell’Alto Jonio, con la chiusura del “Chidichimo”, sia venuto meno il diritto sacrosanto alla salute sancito dalla Carta Costituzionale. Infatti appare chiaro che, secondo la proponente, «il diritto alla salute in Calabria e soprattutto nelle zone periferiche come l’Alto Jonio, soffra di un gravissimo deficit di effettività, le cui cause – secondo la dottoressa Ciacci – sono certamente legate alla mancanza di una convinta volontà politica rispetto alla concreta attuazione di tale diritto ed ai condizionamenti esercitati da una certa miopia nelle decisioni economiche».

Ecco perché, essendo l’istituto della petizione uno dei diritti fondamentali dei cittadini europei in presenza del venir meno dei Lea ed alla assoluta carenza di servizi di prima assistenza sanitaria, la cittadinanza dell’Alto Jonio Cosentino ha deciso di presentare una petizione al Parlamento Europeo, per la riapertura dell’Ospedale di Trebisacce, affinchè il Parlamento europeo apra un’indagine e si pronunci sulla questione, richiamando l’attenzione su eventuali violazioni dei diritti dei cittadini europei da parte di uno Stato-membro, di autorità locali o di un’istituzione. Si tratta di una iniziativa nata sotto-traccia qualche settimana fa e che è stata confezionata a tempo di record. L’azione è stata sostenuta dai rappresentanti delle organizzazioni locali e dalle amministrazioni comunali di Trebisacce, Cassano Jonio, Plataci, Cerchiara di Calabria, Castroregio, Canna, Alessandria del Carretto, Oriolo, Nocara, Albidona, Villapiana, Rocca Imperiale, Amendolara, San Lorenzo Bellizzi, Francavilla Marittima,  Montegiordano, Roseto Capo Spulico, dalla Pro Loco Trebisacce, dalla Misericordia di Trebisacce e dal consigliere regionale Mario Franchino.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *