Redazione Paese24.it

Approvata legge per la sicurezza e contro il lavoro nero. Gallo: «Possiamo portare la Calabria sui livelli nazionali»

Approvata legge per la sicurezza e contro il lavoro nero. Gallo: «Possiamo portare la Calabria sui livelli nazionali»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il consiglio regionale della Calabria ha approvato la legge per la sicurezza sul lavoro e l’emersione dell’occupazione irregolare. Tra i punti importanti, troviamo la banca dati per incrociare i dati delle attività ispettive, ma pure una cabina di concertazione per il coordinamento delle politiche di controllo e contrasto e misure di premialità a sostegno delle imprese in regole. Il provvedimento è stato presentato all’aula dal vicecapogruppo dell’Udc, Gianluca Gallo, che ne è stato il relatore anche nelle commissioni consiliari.

«Il dato di partenza ispiratore della legge – ha spiegato Gallo – è rappresentato dal rapporto del Cnel e dalle statistiche Istat: ad oggi, risultano essere circa 140.000 i lavoratori completamente in nero nella nostra regione. La loro regolarizzazione è necessaria per assicurare loro tutela e dignità, ma anche per ragioni di carattere economico e sociale: nel solo 2010 sono infatti emerse 7.000 unità irregolari che hanno consentito all’erario di incamerare, a vario titolo, quasi 130.000.000 di euro. Di questi, 15 milioni sono finiti nelle casse della Regione Calabria».

L’esponente centrista, illustrando i punti cardine dell’articolo normativo, si è soffermato sulla centrale di allarme emersione, una banca dati che opererà in sinergia con la stazione unica appaltante e nella quale verranno iscritte tutte le imprese responsabili di infrazioni definitivamente accertate in materia di lavoro sommerso e non regolare e in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. «Con questa legge – ha concluso Gallo – il trend positivo dimostrato negli ultimi anni in termini di riduzione del sommerso, grazie anche all’operato della commissione regionale per l’emersione del lavoro non regolare, non potrà che rafforzarsi, fino a riportare la situazione calabrese almeno al livello di quella nazionale, con un risultato che avrebbe un sapore storico».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *