Redazione Paese24.it

Da San Severino a Civita lungo i sentieri dei briganti

Da San Severino a Civita lungo i sentieri dei briganti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sui sentieri... dei brigantiConiugare natura e cultura percorrendo i sentieri dei briganti nel cuore del Parco Nazionale del Pollino. E’ questo il senso dell’iniziativa denominata “Sui sentieri dei briganti”, giunta alla sua II edizione e promossa dall’associazione “I ragazzi di San Lorenzo Bellizzi” in collaborazione con i comuni di San Lorenzo Bellizzi, San Severino Lucano, Civita e di altre associazioni del territorio.

Il programma dell’escursione ha preso il via ieri 12 agosto dopo il ritrovo dei partecipanti a San Lorenzo Bellizzi. Da qui l’escursione proseguirà, attraverso i sentieri che percorrevano i briganti attraverso scenari di sconfinata suggestione naturale e continuerà nei giorni del 13, 14 e 15 agosto e, dopo aver toccato gli altri comuni organizzatori di San Severino Lucano e Civita, si concluderà venerdì 16 agosto, sempre a San Lorenzo Bellizzi, con animazioni, dibattiti e riflessioni sul fenomeno del brigantaggio.

Un fenomeno di natura sociologica che ha segnato un’epoca contraddittoria fatta talvolta di arroganza e di soprusi, a cui i briganti intendevano ribellarsi. In realtà l’associazione ci tiene a sottolineare che «non vuole osannare i briganti, né mettere in discussione il processo che ha portato all’unità nazionale e l’esistenza stessa dello Stato, ma vuole continuare ad alimentare la riflessione sulle modalità con cui quell’unità si è realizzata e soprattutto sulle conseguenze sociali che ne sono derivate e che tuttora ne derivano in termini di economia e di sviluppo del sud del nostro Paese rispetto al nord». Si tratta insomma di una escursione guidata alla scoperta delle bellezze struggenti della natura del Parco, con la mente rivolta ad un fenomeno che fa parlare dei briganti come personaggi discutibili e discussi, su cui non è facile trovare convergenza di opinioni e sintesi.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *