Redazione Paese24.it

Guccini e Giordano testimonial della “battaglia” di Ceraolo per il ripristino del Milano-Crotone

Guccini e Giordano testimonial della “battaglia” di Ceraolo per il ripristino del Milano-Crotone
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Euristeo Ceraolo (a sinistra) insieme al cantautore Francesco Guccini (al centro)

Euristeo Ceraolo (a sinistra) insieme al cantautore Francesco Guccini (al centro)

Continuano le “particolari” proteste di Euristeo Ceraolo per il ripristino dell’intercity Milano – Crotone. Una battaglia che parte da, più o meno, 365 giorni fa, da quando Euristeo, insieme a un gruppo di amici “armati” di valigia di cartone,  hanno occupato lo spiazzale della ferrovia di Forlì, manifestando in modo creativo il disagio creato dalla soppressione del collegamento, raggiungendo, di conseguenza, l’attenzione dell’opinione pubblica, nonché, delle testate giornalistiche nazionali con il titolo di  “Ridatemi il treno và”.

In breve tempo, i tantissimi cittadini disagiati dovuto ai disastrosi tagli dei treni a lunga percorrenza, si sono trasformati in cittadini organizzati, dando vita al CIUFER (Comitato Italiano Utenti delle Ferrovie Regionali). La “battaglia” si avvale ora di due testimonial d’eccezione: il cantautore Francesco Guccini e l’ex ispettore  DIA (Direzione Investigativa Antimafia) di Palermo Pippo Giordano.

« Per convincere Francesco Guccini a farsi fotografare per l’iniziativa – ha fatto sapere Euristeo – ho dovuto  inventarmi uno slogan che in parte gli appartiene:  “Ridateci – La locomotiva Perduta- Intercity Milano – Crotone”  Euristeo  Pendolare. Sono riuscito ad incontrare il cantautore, citandogli  il titolo di una delle sue canzoni  “La Locomotiva” e mostrandogli lo slogan coniato anche grazie alle parole di quella sua canzone, e rendendolo partecipe della manifestazione organizzata e dello slogan nel quale una cosa perduta c’è: la locomotiva».

Sperando che l’inventiva e la tenacia di Euristeo possano portare, nel suo piccolo, qualche beneficio alla bistrattata situazione del sistema dei trasporti calabresi.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *