Redazione Paese24.it

Cariati, Lampare su “Tour Buon Pescato Italiano”: «Basta passerelle, si ai veri bisogni della gente»

Cariati, Lampare su “Tour Buon Pescato Italiano”: «Basta passerelle, si ai veri bisogni della gente»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

buon pescato cariatiL’associazione “le Lampare”, in una loro nota, prendono posizioni sul “Tour del Buon Pescato Italiano” tenuto al Porto di Cariati.

“Basta passerelle auto celebrative, sì alla sagra del buon pescato, sì ai bisogni del territorio trascurato. Siamo ben lieti, affermano le Lampare, di ospitare, nella nostra cittadina, un evento come quello  della sagra del buon pescato. Occasioni come queste, che certamente vedono l’attivo coinvolgimento degli operatori del settore ittico, sono utili e funzionali al nostro territorio. Siamo convinti che tali manifestazioni istituzionalizzate debbano essere frutto di un lavoro partecipato  fra cittadini, lavoratori ed enti preposti, sì da far emergere le tanto decantate valorizzazioni del nostro territorio”.

L’associazione ambientalista si augura di “ritrovarci presto e tutti insieme, per la sagra delle bonifiche (ad esempio quella  del Ponte del Varco), la sagra dell’acqua pubblica e potabile (un efficiente impianto idrico e che non ci costringa a comprare acqua imbottigliata che aumenta vertiginosamente la quantità di rifiuti nei cassonetti); iniziare la differenziata porta a porta finalizzata ad un ciclo virtuoso dei rifiuti (Cariati conosce fin troppo ben la drammatica emergenza rifiuti che puntualmente ritorna ogni cambio di stagione); la sagra dei depuratori recentemente posti sotto sequestro a seguito dell’inchiesta Calipso dalla Procura di Rossano (funzionanti e che restituiscano a cittadini e turisti un mare da vera bandiera blu); la sagra dei trasporti che siano al passo coi tempi (la statale della morte e i treni da far west sono emblema dell’attuale disastrosa gestione delle politiche in merito ai trasporti e alle infrastrutture); quella di un ospedale pubblico che funzioni a regime (il nostro territorio subisce la scelta, del tutto opinabile, da parte del governo regionale che, sulla scorta dei tagli imposti a livello nazionale, ha decretato la morte di tanti ospedali calabresi, come quello di Cariati, in favore di ospedali unici che cozzano con l’attuale sistema della viabilità). Auspichiamo che sia posta in primo piano la salute dei cittadini e la tutela dei territorio”.

“I nostri mari, continuano le Lampare, sono di anno in anno sempre più sporchi e  sottraggono risorse ad importanti settori economici, quali pesca e turismo, peculiari caratteristiche del sistema produttivo locale fin troppo spesso marginalizzato”.

“Rivolgiamo un caloroso saluto a tutti i lavoratori del mare, concludono le Lampare,  perchè un mestiere così duro come questo venga finalmente riconosciuto e valorizzato. Convinti che un pieno sviluppo della società umana si ottenga solo attraverso una società ecologica”.

Ignazio Russo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *