Redazione Paese24.it

Credito Cooperativo Mediocrati già operativo nell’Alto Jonio. Fusione con la BCC di Albidona

Credito Cooperativo Mediocrati già operativo nell’Alto Jonio. Fusione con la BCC di Albidona
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
La mappatura sul territorio della Bcc Mediocrati

La mappatura sul territorio della Bcc Mediocrati (clicca per ingrandire)

Da lunedì 2 settembre BCC Mediocrati sarà operativa sul territorio dell’Alto Jonio cosentino. In un tempo relativamente breve, infatti, è giunto a compimento l’iter di fusione con la ex BCC Banca dello Jonio-Albidona, concretizzando la volontà dei soci delle due banche, espressa il 26 maggio scorso nel corso di separate assemblee straordinarie.

Con la fusione prende corpo un rinnovato istituto di credito che, con oltre 140 dipendenti e 21 filiali, copre buona parte della provincia di Cosenza e aggiunge la filiale di Nova Siri, in Basilicata. Il numero dei soci supera le 5.500 unità, facendo di BCC Mediocrati la cooperativa bancaria più numerosa di Calabria e tra quelle più robuste del Sud Italia.

La denominazione della banca nata dalla fusione resta “Credito Cooperativo Mediocrati” con sede nel centro direzionale di Via Alfieri in Rende (CS).

Nel CdA, presieduto da Nicola Paldino, entrano a far parte tre soci eletti dall’Assemblea della ex BCC Banca dello Jonio-Albidona: Michele Aurelio, Giuseppe Ferraro e Pasquale Antonio Stamato. In occasione della prossima riunione del CdA sarà eletto in seno il nuovo vice presidente vicario della Banca. Il rinnovato Consiglio di Amministrazione della BCC Mediocrati, nella sua nuova composizione, rimarrà in carica fino all’approvazione del bilancio al 31.12.2014.

v.l.c.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *