Redazione Paese24.it

Cassano, “Palombella Rossa” boccia la Notte Bianca

Cassano, “Palombella Rossa” boccia la Notte Bianca
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

cassanoNotte Bianca: i rilievi sull’evento dell’Associazione culturale “Palombella Rossa”. Da osservatore esterno, il sodalizio cassanese che opera nel variegato mondo della cultura e del disagio sociale del centro storico cittadino e non solo, con occhio critico accende i suoi riflettori sulla manifestazione che ha chiuso la rassegna di eventi estivi “Cossa Enotria Summer 2013”, promossa dall’amministrazione comunale di Cassano Allo Ionio.  Anche l’edizione 2013 come la precedente della Notte Bianca è stata  bocciata dall’Associazione culturale cassanese la quale tramite il vice presidente Pasquale Cersosimo, si è interrogata sui risultati raggiunti rispetto alle somme investite dall’amministrazione cittadina.

“Risultati discutibili, secondo Palombella Rossa, soprattutto,  per la mancanza di contenuti ed argomenti culturali. Negli ultimi mesi infatti, afferma Cersosimo, abbiamo solo assistito a feste e sagre, vuote di ogni argomento , finalizzate al mero divertimento, in un epoca in cui assistiamo ad un uso smisurato di alcool e droghe da parte dei giovanissimi”.   Ma aggiunge subito: “Con questo, teniamo a precisarlo, non vogliamo colpevolizzare nessun bar o locale, tuttavia le istituzioni, cui spetta il compito di provvedere “con la diligenza del buon padre di famiglia” al benessere della propria collettività, dovrebbero servirsi di certe iniziative e certe manifestazioni, che comunque hanno un costo per il nostro bilancio comunale, per mandare questi ed altri messaggi ai giovani”. Imputato numero uno, secondo “Palombella Rossa”, la politica, che dicono, “Non esiste più. Non si bada più all’interesse collettivo bensì a quello personale. E questo avviene, denuncia, in ogni angolo della Città, sia esso il marciapiede, sia esso lo scranno del Consiglio Comunale. In coda alla nota infine, un’ultima stoccata all’amministrazione comunale, colpevole secondo il vice presidente Pasquale Cersosimo, di avere estromesso il borgo antico per il secondo anno di fila dagli eventi estivi .

Leonardo Guerrieri

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *