Redazione Paese24.it

Rossano, rinvenuta discarica abusiva di eternit a ridosso della spiaggia di Sant’Irene

Rossano, rinvenuta discarica abusiva di eternit a ridosso della spiaggia di Sant’Irene
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Lastre di eternit in prossimità delle spiagge di Rossano. Una discarica abusiva è stata infatti rinvenuta nei pressi del lungomare di S.Irene, a soli metri dalla battigia (nella foto), da parte della Guardia costiera. Il personale militare della capitaneria di porto di Corigliano, ha sottoposto a sequestro penale preventivo l’area demaniale marittima, dove si trovavano delle lastre del pericoloso materiale insieme a rifiuti di altra natura.

A seguito delle indagini, svolte dai militari della guardia costiera, è stato accertato che si trattava di una vera e propria discarica abusiva priva di qualsiasi autorizzazione, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale ed idrogeologico e a soli 20 metri circa dalla battigia. I responsabili dell’abuso sono stati denunciati all’autorità giudiziaria, per la violazione delle norme del codice della navigazione e del codice penale in materia di ambiente e deturpamento di bellezze naturali e danneggiamento del naturale stato dei luoghi.

La Guardia costiera, inoltre, sta curando le comunicazioni agli enti competenti per la bonifica ambientale del tratto di pubblico demanio marittimo trasformato in precedenza in discarica, affinché ritorni alla libera fruizione da parte della collettività.

Continua costante, quindi, l’attività di vigilanza degli uomini della Capitaneria di porto di Corigliano Calabro, agli ordini del capitano di fregata Antonio D’Amore, per la salvaguardia dei beni demaniali e dell’ambiente costiero. Dall’inizio dell’anno, infatti, i controlli degli uomini della guardia costiera solo in materia di demanio marittimo e ambiente sono stati complessivamente quasi 600; le segnalazioni alle Procure della repubblica di Rossano e Castrovillari sono state 6 e 2 i sequestri penali eseguiti; sono state inoltre elevate multe per complessivi oltre 10.600 euro.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *