Redazione Paese24.it

Scuola Alto Jonio, Lsu in agitazione. Igiene e pulizia a rischio

Scuola Alto Jonio, Lsu in agitazione. Igiene e pulizia a rischio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

aaaIl nuovo anno scolastico si apre con un problema vecchio: il personale LSU addetto alle pulizie ed ai servizi ausiliari presso tutti gli istituti scolastici del territorio, di cui circa 1.200 in Calabria e più di 300 nel solo Alto Jonio, costituito dai lavoratori socialmente utili provenienti dagli “appalti storici”, hanno proclamato lo stato di agitazione perché, secondo le OO.SS. si categoria Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uil-Trasporti, il Governo avrebbe disatteso gli impegni assunti nel corso degli incontri che si sono succeduti da luglio in poi, tanto che oggi, all’orizzonte, si profilerebbero ben 24mila licenziamenti.

A rischio, dunque, la pulizia delle scuole, con inevitabili ripercussioni sull’agibilità degli edifici scolastici per problemi igienico-sanitari. Sono anni che questi lavoratori, per lo più padri di famiglia e mono-reddito, si battono contro la precarietà del loro lavoro e del loro salario, rivendicando quella fatidica stabilità lavorativa sempre promessa e mai ottenuta. Le suddette organizzazioni sindacali hanno evidenziato al Ministero dell’Istruzione il mancato rispetto degli accordi assunti e sottoscritti al “Tavolo Politico” di confronto nel corso degli incontri svoltisi a Roma nel mese di luglio, ma proprio quando si doveva passare alla ratifica degli accordi sottoscritti, il Governo ha rinviato l’incontro previsto per il 23 settembre e le OO.SS. temono che lo slittamento della data «rientri – secondo i sindacati – in una strategia del Ministero di spostare il confronto in un tempo in cui non ci saranno più spazi per intervenire, in quanto tutto sarà già definito e non ci saranno più margini di contrattazione che possano centrare l’obiettivo degli impegni assunti in tema di continuità lavorativa e di condizioni di reddito dei lavoratori coinvolti».

DELFINI VIAGGI - PAG. 4«Tale grave problematica – ha dichiarato il segretario comprensoriale della Filcams-Cgil Vincenzo Laurito – riguarda oltre 1.200 lavoratori calabresi ex LSU, già stabilizzati con decreto interministeriale dal I° luglio 2001, che rischiano di precipitare in una condizione economica inaccettabile per il comportamento “schizofrenico” del Governo, che assume impegni e li sottoscrive, per poi procedere all’esatto contrario. E’ necessario ricordare – aggiunge Laurito – che questi lavoratori sono già stati interessati a riduzione salariale per CIGS e di conseguenza, il salario percepito non raggiunge gli 800euro mensili. Noi pensiamo – conclude il sindacalista della Cgil – che i  risparmi si dovrebbero fare su tanti altri sprechi, a cominciare dai costi della politica e non impoverendo ulteriormente i già miseri redditi dei lavoratori socialmente utili che, proprio per questo, intendono partecipare in massa alla mobilitazione».

 Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *