Redazione Paese24.it

Rossano, sequestrati esemplari di tonno rosso e pesce spada di dubbia provenienza e sotto misura

Rossano, sequestrati esemplari di tonno rosso e pesce spada di dubbia provenienza e sotto misura
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

tonno rosso rossano sequestroNei giorni scorsi la Capitaneria di porto di Corigliano Calabro ha coordinato un’operazione complessa di polizia giudiziaria che ha portato al sequestro, presso uno stabilimento della zona industriale di Rossano, di un ingente quantitativo di tonno rosso (thunnus thynnus), pregiata specie ittica a rischio di estinzione, oltre 1700 chili, del quale il titolare dell’attività commerciale non è stato in grado di esibire la documentazione prevista dalla normativa comunitaria e nazionale e che ne consente la tracciabilità, nonché di quasi 400 chili di pesce spada (xiphias Gladius) tutto sotto misura.

I militari agli ordini del Capitano di Fregata (CP) Antonio D’Amore sono stati informati da un’altra Capitaneria di porto fuori regione che all’interno di confezioni di una ditta di Rossano era stata ritrovata una partita di tonno rosso sotto misura. Sono state così effettuate con i veterinari dell’ASP verifiche presso il deposito e il personale della Guardia costiera ha trovato, congelati, in una cella a -17°, 67 esemplari di tonno rosso di cui 12 sotto misura e 138 esemplari di pesce spada, anch’essi sotto misura e peraltro privi del rostro che ne consente un immediato riconoscimento. L’espediente non ha però ingannato i militari ed i veterinari che hanno comunque riconosciuto il pesce spada di taglia inferiore a quella minima consentita.

In mancanza di documentazione che possa certificare la provenienza del prodotto ittico i veterinari dell’azienda sanitaria provinciale, intervenuti nel deposito con il personale della Guardia costiera, non hanno potuto che dichiarare la non idoneità per il consumo umano del pesce in questione. Tutti i 150 esemplari sotto misura sono stati quindi sottoposti a sequestro penale mentre i 55 tonni rossi senza documenti relativi alla tracciabilità sono stati sottoposti a sequestro amministrativo.

Nel frattempo il personale della Guardia costiera ha elevato due contravvenzioni per 5.500 euro totali a carico del titolare della ditta, per aver violato gli obblighi previsti dai regolamenti comunitari in materia di registrazione e dichiarazione dei dati relativi alla cattura e commercializzazione del tonno rosso nonché per mancanza della tracciabilità del pesce spada. Il titolare della ditta è stato inoltre segnalato alla Procura della Repubblica, che ha convalidato il sequestro operato dai militari della Guardia Costiera.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *