Redazione Paese24.it

Laratta e Guglielmelli a Trebisacce. Un Pd in difficoltà prova a riguadagnare consensi

Laratta e Guglielmelli a Trebisacce. Un Pd in difficoltà prova a riguadagnare consensi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Guglielmelli e Laratta a TrebisacceABBONATI A PAESE24 MAGAZINE – L’UNICA RIVISTA DELL’ALTO JONIO

Un confronto serrato e leale, quello che si è registrato nella sala consiliare di Trebisacce tra i due candidati alla segreteria provinciale del Partito Democratico Franco Laratta e Luigi Guglielmelli, che però ha evidenziato in tutta la sua crudezza il momento critico che il partito vive in Italia e soprattutto in Calabria, dove la segreteria regionale è commissariata da tre anni e dove i circoli, specie quelli più periferici dell’Alto Jonio e della Sibaritide, non riescono a dare il proprio contributo al dibattito e soprattutto a far arrivare il proprio malcontento nei quartieri alti di un partito sempre più centralizzato.

Viaggio a Pompei e alla Certosa di Padula

Viaggio a Pompei e alla Certosa di Padula – AMENDOLARA

I due candidati, dimostrando una buona dose di disponibilità all’ascolto, hanno così dovuto raccogliere e registrare le lagnanze dei segretari dei circoli territoriali dell’Alto Jonio e della Sibaritide che hanno da tempo formato un comitato territoriale per dibattere e dare voce alle tante problematiche che affliggono questo territorio, sempre più marginalizzato anche politicamente rispetto alle aree urbane. Ne è prova, come è stato ampiamente lamentato dai dirigenti zonali che sono intervenuti nel dibattito, il modo stesso con cui è stata organizzata la fase preparatoria al congresso provinciale del 3 novembre. In particolare i segretari dei Circoli dell’Alto Jonio e della Sibaritide, tutti presenti all’incontro, hanno manifestato il proprio disappunto perché avrebbero gradito una rappresentanza più equamente distribuita sul territorio. «Ciò anche in funzione – come si legge nel documento elaborato dagli stessi e consegnato ai candidati che invoca “una nuova cultura politica per un nuovo PD nella Sibaritide e nella provincia di Cosenza – di un’accentuata omogeneità delle problematiche e delle peculiarità dell’Alto e del Basso Jonio. Un’occasione – è stato ripetuto – a cui si poteva porre rimedio e che è stata invece in parte compromessa dalle premesse da cui nascono queste elezioni».

Si tratta di un documento critico che fa un’analisi lucida e al contempo molto dura della situazione attuale che vivono i circoli del PD della zona dello Jonio, dove il numero degli iscritti, come è stato sottolineato in alcuni interventi, è fortemente sceso. Segno evidente di una parziale disaffezione alla politica locale del partito. Il documento in particolare pone l’accento, ovviamente in negativo, sul ridisegno della sanità nella fascia Jonica che, con l’abolizione della Asl di Rossano e la chiusura degli ospedali di Cariati e Trebisacce, ha fatto registrare un deciso passo all’indietro. I due candidati si sono dimostrati molto attenti sia nell’ascolto, sia nel rispondere alle questioni sollevate. Soddisfatto il segretario del PD di Trebisacce Pierfrancesco De Marco che ha organizzato l’incontro, il quale ha apprezzato l’attenzione dei due candidati alle problematiche emerse nel confronto ed alla condivisione della legittimità delle stesse.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *