Redazione Paese24.it

“Trebisacce ringrazia il presidente Oliverio”. Ma tanti cittadini si dissociano. Chiusura opedale docet

“Trebisacce ringrazia il presidente Oliverio”. Ma tanti cittadini si dissociano. Chiusura opedale docet
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

trebisacce-51La chiusura dell’ospedale, nonostante l’accavallarsi di illusorie promesse di una seppur parziale riapertura, rimane una ferita sempre aperta e difficile da rimarginarsi: la gente comune, quella che crede ancora che l’assistenza sanitaria sia un diritto sacrosanto, non si rassegna e, considerando la salute il bene primario in assoluto, non vuole in cambio alcun “contentino” e se la prende con tutti i politici, senza guardare al colore delle magliette, ma mettendo tutti sul banco degli imputati, siano essi di destra o di sinistra. Del resto è questo il clima che si respira oggi in tutta Italia. Non si spiegherebbe diversamente il largo successo di Grillo e le altissime percentuali di astensionismo.

L’occasione per riaccendere le polemiche e dare in termometro della situazione è stata fornita dalla recente visita a Trebisacce per l’inaugurazione del palazzetto dello sport di contrada “Rovitti” del presidente della provincia Mario Oliverio. L’amministrazione comunale di centrosinistra, essendosi adoperata per far finalmente aprire una struttura che era pronta da qualche anno e avendo trovato nel presidente Oliverio una sponda efficace e sensibile, in questo caso come in tanti altri, lo ha accolto con tutti gli onori, gli ha fatto festa e, all’indomani della sua visita ha esposto sulla centralissima piazzetta “Lutri” una gigantografia su cui campeggiava la scritta “Trebisacce ringrazia il presidente Oliverio”. La stessa gigantografia che era stata esposta al campo sportivo il giorno dell’inaugurazione. La cosa non è andata giù a tanti cittadini, non solo di diverso colore politico, ma anche ai tanti cittadini che non credono più alla politica, che fanno di tutte le erbe un fascio, che mettono tutti sullo stesso piano senza soffermarsi sul ruolo e sulla diversa operosità degli stessi e che rimproverano anche ad Oliverio di non aver fatto abbastanza in difesa del “Chidichimo”.

10 NOVEMBRE, Viaggio a Pompei e alla Certosa di Padula. INFO: Delfini Viaggi Amendolara

10 NOVEMBRE, Viaggio a Pompei e alla Certosa di Padula. INFO: Delfini Viaggi Amendolara

Ecco allora il solito web diventare come al solito il collettore della protesta e delle polemiche, alimentate, per di più, dalla goffa presa di posizione di qualche esponente politico locale che, forse sottovalutando la rabbia di tanti cittadini, ha ironizzato e ridicolizzato anche “la traversata dello Stretto pro-ospedale” compiuta nel luglio scorso, suscitando la legittima protesta del protagonista dell’impresa e di alcuni suoi sostenitori che hanno risposto per le rime scrivendo: “Non faccio parte dei trebisaccesi che ringraziano”, “I trebisaccesi dovrebbero accogliere con i forconi tutti i politici che si permettono di venire nel nostro paese dopo averlo derubato del diritto alla salute”. Ognuno, ovviamente, è libero di pensare e di argomentare a modo suo, ma è difficile dare torto a chi si sente privato del diritto alla salute che, al di là delle tante benemerenze acquisite dal presidente Oliverio in altri settori, rimane in assoluto il bene primario.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *