Redazione Paese24.it

Momento toccante in Vaticano, Papa Francesco ha incontrato la piccola Giulia Montera

Momento toccante in Vaticano, Papa Francesco ha incontrato la piccola Giulia Montera
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
L'incontro tra Papa Bergoglio e la piccola Giulia

L’incontro tra Papa Bergoglio e la piccola Giulia

Un momento toccante mercoledì scorso (13 novembre ndr) durante l’udienza del Pontefice presso la sala Nervi del Vaticano. Papa Francesco, infatti, ha incontrato la piccola Giulia Montera, una bambina coriglianese che ha delle malformazioni celebrali e un ritardo neuro motorio. Papa Bergoglio ha avuto 8 minuti di dialogo con i genitori della piccola, sempre con Giulia in braccio. Durante il colloquio, Gabriele Montera, padre della bambina, ha chiesto al Papa di intercedere per Giulia e per quei bambini come lei e di pregare anche affinché Giulia ottenga giustizia. Il padre della bambina, infatti, ha avviato un procedimento penale per “malasanità” e un mese fa ha ottenuto la prima vittoria, ossia il rigetto della proposta di archiviazione. Ma c’è di più: l’invito a Papa Francesco per l’apertura, prevista nel 2015, del Centro neurologico a carattere riabilitativo e scientifico denominato appunto “Centro Giulia”, il quale dovrà essere, questo l’auspicio, il distaccamento di importanti realtà americane, canadesi e italiane nonché il ritorno in Italia, e nello specifico in Calabria o in Sicilia (sorgerà in una di queste due regioni il Centro neurologico ndr), delle grandi menti scientifiche andate via dallo Stivale. Al Papa sono stati consegnati anche il logo dell’associazione “Una lotta per la Vita” e della brochure del film “Giulia e le ali rubate, Giulia Montera una vita spezzata”.

Ora Giulia è ancora a Roma, dopo il giorno di festa si è ritornati alla realtà e si sono aperte, come consuetudine, le porte dell’ospedale pediatrico “Bambin Gesù”, ma questa volta presso il distaccamento di Palidoro. Tra i tanti problemi che affliggono la piccola Giulia, si rende infatti necessario intervenire al più presto sulla colonna vertebrale ormai curva a causa della postura. Giulia, a seguito di un danno cerebrale, non si muove, è immobile sempre da uno stesso lato. Adesso c’è un quarto intervento che aspetta Giulia, non facile viste le sue condizioni generali di salute, ed è per questo che una equipe specifica di ortopedici, specialisti neurovertebrali, neurologi, broncopneumologi e cardiologi in queste ore sta valutando attentamente il caso.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *