Redazione Paese24.it

Maltempo Alto Jonio. Disagi a Rocca Imperiale. Fiumare ingrossate da abbondanti piogge

Maltempo Alto Jonio. Disagi a Rocca Imperiale. Fiumare ingrossate da abbondanti piogge
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

maltempo rocca imperiale

ANCHE NELLE EDICOLE DI ROCCA IMPERIALE PUOI TROVARE PAESE24 MAGAZINE DI NOVEMBRE (distribuzione gratuita)

Dopo l’emergenza di poco più di un mese fa, ancora allagamenti e smottamenti nel comune di Rocca Imperiale questa mattina (sabato) dovuti alle abbondanti piogge cadute nel corso delle ultime ore. La fitta pioggia della notte che ha continuato anche nella mattinata ha stravolto il risveglio dei cittadini rocchesi che hanno dovuto ancora una volta far fronte ad importanti disagi. Uno su tutti la situazione critica dell’arteria di collegamento tra la marina e il paese, via Tavolaro, invasa da acqua e detriti e adesso parzialmente riaperta al traffico dopo l’intervento di un mezzo del Consorzio di Bonifica.

Ritorni a casa per le vacanze di Natale? DELFINI VIAGGI ti da una mano (clicca per ingrandire)

Ritorni a casa per le vacanze di Natale? DELFINI VIAGGI ti da una mano (clicca per ingrandire)

A coordinare le operazioni per fronteggiare l’emergenza è stato l’assessore all’Ambiente Giovanni Gallo (il sindaco è fuori sede), che si avvalso della collaborazione dei Carabinieri, dell’Ufficio tecnico comunale coordinato da Giovanni Marangi, dei Vigili Urbani, degli operai del Consorzio di Bonifica e dell’assessore Giovanni Di Leo. Sul posto anche i volontari della Protezione Civile in seguito all’immediata comunicazione di allerta trasmessa dal Comune al C.O.M. di Trebisacce. Alcune frane hanno interessato le contrade, maggiormente colpita la “Maddalena”. Anche il lungomare cittadino ha subito allagamenti. I maggiori disagi ovviamente lungo le strade interne del paese interessate da acqua e detriti. La situazione, grazie alla “task force”, messa in piedi sotto il coordinamento dell’Amministrazione Comunale sta lentamente tornando alla normalità. Anche se ancora destano preoccupazione le fiumare Canna, Salso, San Nicola e Canale Armi, ingrossate dall’acqua a vista d’occhio e dunque tenute sotto costante osservazione.

Vincenzo La Camera, ufficio stampa

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *