Redazione Paese24.it

“Cassano allo Jonio e il Concilio Vaticano II”. Storia della Chiesa locale in mostra

“Cassano allo Jonio e il Concilio Vaticano II”. Storia della Chiesa locale in mostra
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

riapertura_cattedraleSi aprirà ufficialmente il 24 novembre la mostra di documenti storici sul tema “Cassano all’Jonio e il Concilio Vaticano II”, invito alla conoscenza di un percorso storico per ricordare e far conoscere i documenti prodotti come contributo al Concilio e lo sforzo e l’entusiasmo dell’attuazione dello stesso nella pastorale diocesana.

In particolare, nella giornata in cui la Chiesa cassanese celebrerà la chiusura ufficiale dell’Anno della Fede indetto da Papa Benedetto XVI come «occasione voluta ed offerta a noi credenti per dare fondamento più solido e credibile alla nostra esperienza di fede», ricordava il vescovo della diocesi cassanese, monsignor Nunzio Galantino, in apertura del periodo ecclesiale lo scorso anno, la Cattedrale di Cassano si trasformerà in una pinacoteca pubblica che permetterà di entrare in contatto diretto con la storia che la Chiesa locale ha contribuito a costruire. «L’allestimento della mostra – spiegano i promotori dell’iniziativa – nasce dalla convinzione che dietro ogni documento prodotto come contributo della diocesi al Concilio ed alla base di ogni iniziativa pastorale messa in campo per concretizzare gli insegnamenti dello stesso si nascondano l’entusiasmo e la vitalità di una Chiesa pienamente coinvolta nei processi di cambiamento che il Concilio ha avviato». 

Ritorni a casa per le vacanze di Natale? DELFINI VIAGGI ti da una mano (clicca per ingrandire)

Ritorni a casa per le vacanze di Natale? DELFINI VIAGGI ti da una mano (clicca per ingrandire)

Un cammino ideale attraverso note e documenti che porteranno il visitatore a spingersi «oltre il testo, appropriandosi dello spirito di cui è impregnato. Non autocelebrazione, ma invito a recuperare quell’entusiasmo e quella vitalità che caratterizza il discepolo e lo rende disponibile all’opera della Spirito».

La mostra è curata da un’equipe formata da don Gianni Di Luca, parroco della Maddalena di Morano Calabro, da Leone Viola (responsabile dell’Archivio diocesano) e dai seminaristi Rocco Lategano e Carlo Russo.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *