Redazione Paese24.it

Roseto, Lsu e Lpu fermano la Calabria. Ss 106 bloccata dallo sciopero dei lavoratori

Roseto, Lsu e Lpu fermano la Calabria. Ss 106 bloccata dallo sciopero dei lavoratori
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
20131211_113901 (FILEminimizer)

Il sit-in dei lavoratori sulla Ss 106

Continua il braccio di ferro tra i lavoratori Lsu -Lpu calabresi e il Governo centrale  sulla stabilizzazione della categoria e di tutti i lavoratori appartenenti al bacino del precariato storico istituzionalizzato calabrese. I lavoratori della provincia di Cosenza si sono trovati questa mattina (Mercoledì) a Roseto Capo Spulico per lo sciopero provinciale di categoria indetto dalle sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil Temp, dove hanno marciato in segno di protesta fino a bloccare completamente la circolazione lungo la Statale 106. Centinaia di lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità hanno occupato la sede stradale nei pressi del castello federiciano della Città delle Rose, punto cruciale per la viabilità calabrese in quanto privo di percorsi alternativi, mandando in tilt il traffico della costa ionica in direzione Taranto e Reggio Calabria.

A sostenere le ragioni dei lavoratori, il Segretario Generale Territoriale Cgil, Angelo Sposato, il Segretario Provinciale della Cisl, Gerardo Calabria, e il Segretario Provinciale Uil Temp, Francesco Piterà, insieme a tutti i sindaci dell’Alto Ionio Cosentino. I rappresentanti delle sigle sindacali, nel corso della manifestazione, hanno chiesto al governo centrale “la riconvocazione del tavolo ministeriale per discutere del percorso di stabilizzazione dei lavoratori calabresi con l’approvazione degli articoli cancellati al Senato, riguardanti proprio la legge di stabilità”. “Chiediamo, altresì, l’attivazione di un tavolo sul precariato calabrese – affermano congiuntamente i segretari dei sindacati – per ottenere il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga e delle politiche attive del lavoro”. Ma la battaglia dei lavoratori Lsu e Lpu  non si ferma a Roseto: è stato annunciato, infatti, per sabato 14 Dicembre, la manifestazione regionale unitaria di Cgil, Cisl e Uil che si terrà a Lamezia Terme Nicastro. La volontà è quella di lanciare un segnale forte della determinazione dei lavoratori e dei sindacati a proseguire la mobilitazione e la lotta, con l’obiettivo fondamentale della contrattualizzazione e dello svuotamento del bacino.

Giovanni Pirillo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *