Redazione Paese24.it

Bocciato referendum sulla nuova geografia giudiziaria

Bocciato referendum sulla nuova geografia giudiziaria
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Non ci sarà alcun referendum sulla nuova geografia giudiziaria. La Corte Costituzionale ha, infatti, dichiarato inammissibile la richiesta di referendum abrogativo, avanzata da nove Consigli regionali, inerente la riforma, entrata in vigore il 13 settembre scorso, che ha portato alla soppressione di circa mille uffici giudiziari minori.

Corte Costituzionale

Corte Costituzionale

E’ scontro tra il Governo e le regioni, subito dopo la sentenza, in cui le posizioni tra le due parti sono rimaste inconciliabili. Da un lato, i nove Consigli regionali (Puglia, Calabria, Basilicata, Friuli, Piemonte, Abruzzo, Liguria, Campania e Marche) ritengono necessaria la consultazione popolare per l’abrogazione della riforma; dall’altro, l’Avvocatura dello Stato che, in rappresentanza del Governo, ha sostenuto l’inammissibilità del quesito referendario e il rischio che con un’abrogazione della riforma si vada incontro ad un vuoto normativo. Il referendum ha già avuto il via libera della Cassazione, mentre ai giudici delle leggi spetta il vaglio costituzionale. I nove Consigli regionali, promotori del referendum, sono pronti a ricorrere alla Corte di giustizia europea perché questa riforma mette in discussione il diritto del cittadino all’accesso alla giustizia.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *