Redazione Paese24.it

Scuola. Roseto e Trebisacce contro aumenti trasporto. Uno studente di Nocara spende 100 euro al mese

Scuola. Roseto e Trebisacce contro aumenti trasporto. Uno studente di Nocara spende 100 euro al mese
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Tagli ai servizi e aumento delle tariffe: questa la soluzione adottata dall’esecutivo regionale nel settore del trasporto pubblico locale e regionale al solo scopo di far quadrare i conti. A farne le spese, come al solito, sono i cittadini-fruitori dei servizi che usano i mezzi pubblici per recarsi a scuola o per recarsi al lavoro, i quali dovranno sopportare un aumento dei biglietti per i trasporti pubblici e dei ticket per il trasporto in ambito urbano.

aA sollevare questo problema ed a scagliarsi contro una classe politica regionale sempre pronta a prendere le scorciatoie, è il sindaco di Trebisacce Francesco Mundo il quale contesta l’ultima deliberazione della Giunta Regionale che, per far quadrare i conti della Regione, costringerà i comuni a mettere le mani nei bilanci delle famiglie per finanziare il trasporto locale e regionale e per assicurare il diritto alla mobilità pubblica.

L’aumento spropositato del costo dei biglietti e degli abbonamenti per il trasporto pubblico in ambito locale, in un momento di grave difficoltà delle famiglie, rischia di diventare un attacco al diritto alla studio sancito dalla Costituzione. Cosicchè anche il comune di Roseto, accogliendo le proteste dei genitori degli studenti emerse nel corso di un’assemblea svoltasi presso l’I.T.C.G. “G. Filangieri” di Trebisacce, ha approvato una Delibera di Giunta con la quale ha chiesto alla Regione Calabria una moratoria sugli aumenti. «Premesso – si legge – che il territorio comunale è sprovvisto di Istituti di Istruzione Secondaria di II°, per cui gli studenti devono recarsi nel comune di Trebisacce; -che gli stessi, in mancanza di altri mezzi di trasporto, quali i treni, sono costretti ad utilizzare le linee della SAJ autolinee; -che nell’anno scolastico 2013/2014 il costo dell’abbonamento ha subito già due aumenti per una media del 25% e che in un periodo di crisi profonda come quella che si sta vivendo, questi aumenti ingiustificati mettono ancor di più a rischio il Diritto allo Studio costituzionalmente garantito in una terra dove il lavoro è una chimera e, -atteso che tali aumenti risultano dannosi per le fragili condizioni economiche delle famiglie… si ritiene urgente e doveroso chiedere all’Assessorato ai Trasporti della Regione Calabria una moratoria… ed una più razionale organizzazione del servizio di trasporto verso il polo scolastico di Trebisacce, tale che essa non provochi ritardi agli studenti nell’accedere alle lezioni».

lourdes delfini viaggiNel sollecitare l’esecutivo guidato dal sindaco Franco Durso ad esercitare il suo ruolo istituzionale attraverso una Delibera di Giunta, Vincenzo Blumetti, nella qualità di amministratore e di docente presso il “Filangieri”, ha sottolineato l’esosità degli abbonamenti dopo questo ulteriore aumento (63 euro mensili da Roseto e circa 100 euro da Nocara). «Se una famiglia ha due figli titolari di abbonamento – ha chiosato Blumetti – deve ricorrere ad un prestito oneroso per farvi fronte e questo non è concepibile in un contesto territoriale caratterizzato da grave fragilità economica». 

Pino La Rocca 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *