Redazione Paese24.it

Cerchiara, sindaco replica ad “Ambiente e salute”: «Ferriti rimosse da località Capraro»

Cerchiara, sindaco replica ad “Ambiente e salute”: «Ferriti rimosse da località Capraro»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Immagine 658La ferrite di zinco proveniente dall’ex Pertusola di Crotone interrata in modo furtivo e fraudolento nelle viscere del nostro territorio comunale e che per 15 anni ha danneggiato la salute dei cittadini di Cerchiara è stata rimossa; il sito di località Capraro è stato in gran parte riqualificato ed il comune è stato ampiamente risarcito del danno ambientale subito. E’ quanto ha scritto il sindaco di Cerchiara in aperta polemica con taluni organi di stampa che, nel riportare la notizia della nascita del “Comitato Cerchiara – Ambiente e Salute”, avrebbero utilizzato, “titoloni grossolani e acritici” per rinnegare quanto da loro stessi riportato sulle iniziative promosse dal suo esecutivo fin dal suo insediamento in materia ambientale e per mistificare fatti e circostanze avendo all’improvviso perso “la bussola della memoria”.

«Il dato – scrive il dottor Carlomagno – è incontrovertibile: la rimozione e la bonifica del Sito SIN di contrada Capraro è stato ultimato sotto la diretta visione del Procuratore della Repubblica di Castrovillari dottor Giacomantonio. Restiamo tuttora in attesa della burocrazia ministeriale per consentire, secondo gli accordi intercorsi con la Syndial, la rimozione di altra ferrite di zinco attualmente coperta da teli protettivi». Ed è un fiume in piena il primo cittadino di Cerchiara nel difendere l’operato del suo esecutivo «Sabato 22 Febbraio 2014, alle ore 18,00 presso a Delegazione Comunale in Piana di Cerchiara, – ha scritto il cardiologo Carlomagno – invitiamo ad un pubblico dibattito il neo-nato comitato e tutta la cittadinanza».

Poi, attraverso un lungo e circostanziato comunicato stampa, il primo cittadino di Cerchiara racconta tutte le tappe dello scabroso problema dei rifiuti tossici interrati nelle viscere della Sibaritide grazie alle “eco-mafie” ed a classi politiche distratte e/o conniventi ed il “titanico lavoro svolto” dal suo esecutivo per ottenere dalla Syndial la bonifica del sito di Capraro riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente quale” S.I.N Crotone-Cassano-Cerchiara”, riferendo di non essersi limitati alla rimozione e bonifica dell’area “ufficiale”  ma  è  stata  posta  in essere un’operazione altrettanto ardita, lungimirante e responsabile, vergata nero su bianco con l’atto transattivo siglato a novembre 2011 tra ENI e Comune di Cerchiara, sotto forma di un’azione legale che obbligava la Syndial spa, depositaria legale delle ferriti di zinco, al riconoscimento del danno ambientale e ad assumersi l’ulteriore onere finanziario della rimozione e bonifica del territorio che attualmente è posto in protezione da teli speciali». In riferimento alla nascita del nuovo Comitato, Carlomagno ha chiesto di essere inserito come sindaco e come cittadino tra i suoi soci ed ha assicurato la più ampia collaborazione. «Mi auguro – e lo spero sinceramente, – ha concluso il sindaco di Cerchiara – che questa sia la finalità del Comitato: mi rifiuto ostinatamente di accettare che possano essere artatamente rispolverati “vecchi clichè”, tipici delle logiche preelettorali, come la tempistica indurrebbe a pensare, obsoleti per il tempo che viviamo, che risulterebbero autolesivi alle “singole individualità” e offensivi proprio della loro “vitalità e fattività” ritrovata…».

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *