Redazione Paese24.it

Alessandria, primi interventi per ripristinare viabilità. Ma situazione resta critica

Alessandria, primi interventi per ripristinare viabilità. Ma situazione resta critica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

frana provinciale alessandria«I danni causati dal maltempo sono ingenti, perché le piogge torrenziali cadute ininterrottamente per 5 giorni hanno devastato non solo la Provinciale che ha prodotto l’isolamento del paese, ma tutte le strade comunali e rurali, tanto che diverse contrade risultano tuttora irrangiungibili. Per ripristinare condizioni minime di normalità ci vuole tempo e soprattutto risorse di cui il comune non dispone, ma questa volta siamo fiduciosi perché dal primo minuto abbiamo avuto al nostro fianco la Provincia, che si è messa subito al lavoro e la Protezione Civile che ha eseguito in modo minuzioso tutti i rilievi necessari e verificato la consistenza dei danni». A fare il punto della situazione è il primo cittadino Vincenzo Gaudio che, almeno questa volta, si è visto confortato dalla presenza della Provincia e della Protezione Civile. La prima ha dislocato subito sulla Provinciale uomini e mezzi che sono impegnati a creare una bretella alternativa per poi poter intervenire direttamente sul nastro d’asfalto scivolato a valle. I funzionari della Protezione Civile, guidati dal dottor Francesco Bonanno, secondo quanto ha riferito il dottor Gaudio, sono stati anche loro al suo fianco per tutta la giornata di mercoledì 5 febbraio ed hanno fatto una minuziosa ed accurata ricognizione dei danni causati dal maltempo in tutte le contrade rurali.

delfini carnevaleOvviamente, come ha spiegato al sindaco Gaudio l’ingegnere Gilberto Capano a nome del Sottosegretario Giovanni Dima, la Protezione Civile non ha compiti di intervento diretti a riattivare la viabilità. La legge regionale n. 4/’97, con la quale è stata istituita, stabilisce che “…la Protezione Civile ha compiti di previsione e di prevenzione del rischio rispetto ad eventuali calamità naturali e, in presenza del verificarsi di calamità naturali, ha il compito di prestare soccorso alle popolazioni colpite dagli eventi calamitosi e di armonizzare, insieme agli organismi istituzionali preposti, tutte le iniziative necessarie ed indilazionabili volte a rimuovere gli ostacoli alla ripresa delle normali condizioni di vita». Il comune, come è prassi consolidata, redige delle schede dettagliate sulla consistenza dei danni, schede che vengono successivamente messe a confronto e validate dai rilievi effettuati dalla Protezione Civile e ammessi a finanziamento se corrispondenti con i rilievi della Protezione Civile. Nel frattempo, se il comune è in grado di anticipare fondi di bilancio, interviene in proprio. L’auspicio del sindaco Gaudio è che non si ripetano esperienze già vissute. «I problemi più importanti – ha concluso il sindaco dottor Vincenzo Gaudio sulla base delle esperienze pregresse – sono la carenza di liquidità che attanaglia soprattutto i piccoli comuni ed i tempi lunghi della burocrazia regionale. Ecco perché chiediamo tempi più rapidi rispetto al passato».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *