Redazione Paese24.it

Nuova Ss 106, opere compensative. Oliverio consiglia il “waterfront”

Nuova Ss 106, opere compensative. Oliverio consiglia il “waterfront”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Repertorio

Repertoriowaterfrint, olivero

I comuni dell’Alto Jonio, interessati al passaggio della nuova S.S. 106 e quindi legittimati a chiedere all’Anas opere di compensazione rispetto ai danni che subiscono i territori, devono evitare di fare richieste isolate e, sforzandosi di fare sistema, dovrebbero chiedere all’Anas, come opera di compensazione condivisa, la realizzazione di un grande “waterfront” (fronte-mare) intercomunale, in grado di riqualificare e collegare tutta la zona costiera che unisce i territori sul versante mare.

Sarebbe il sistema più efficace, secondo il presidente Oliverio, per riconvertire tutte le risorse ambientali che sorgono lungo la costa (spiagge, pinete, fiumare…) per farne altrettanti attrattori di turismo. Lo ha consigliato ai 7 comuni interessati al passaggio della S.S. 106 che si sta per realizzare, il presidente della Provincia Mario Oliverio che era presente a Sibari alla presentazione del progetto definitivo del III° Megalotto della realizzando S.S. 106 ed alla disputa, anche scomposta, sulle opere di compensazione richieste che, secondo lo stesso Oliverio, da una parte rischiano di alimentare la solita guerra tra poveri e dall’altra che, visti i tempi che corrono, l’Anas possa decidere di spostare altrove l’enorme massa di denaro pubblico (circa 800milioni di euro) occorrente per realizzare l’opera. In estrema sintesi il waterfront è la riqualificazione di un’area antistante il mare attraverso una serie di opere pubbliche: prati erbosi, una pista ciclabile senza soluzione di continuità, con ponticelli in legno naturale, corsi d’acqua con canali artificiali destinati al turismo e alla ricezione di natanti. Un lungomare intercomunale, insomma, tale da rappresentare una sorta di balcone sul mare.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *