Redazione Paese24.it

I Verdi rinnovano le cariche, Elisa Romano e Aurelio Morrone sono i nuovi segretari regionali

I Verdi rinnovano le cariche, Elisa Romano e Aurelio Morrone sono i nuovi segretari regionali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

VerdiParte da Sibari la nuova fase di rinnovamento dei vertici del partito ecologista dei Verdi della Calabria. Giovedì 20 febbraio si è tenuto presso l’Hotel Oleandro il congresso regionale del partito in cui sono stati eletti i due nuovi segretari regionali: Elisa Romano e Aurelio Morrone. Allo stesso tempo è stato rinnovato  l’intero consiglio direttivo regionale, con l’ingresso di Immacolata Federico, Alfonso Cetera e Gaetano Donato.

Entusiasta per il nuovo ruolo assunto Elisa Romano, che ha maturato già una significativa esperienza con la sezione rossanese dei Verdi. «Da oggi – ha detto il neo segretario – dopo la fase di commissariamento, parte una nuova stagione per il nostro partito basata su una programmazione audace ed innovativa, attenta a tutte le problematiche ambientali e non solo. I Verdi infatti sono attenti a tutte le vertenze territoriali, dal lavoro ai trasporti, giustizia, sanità, sociale e la tematica del consumo dei suolo sono sempre all’ordine del giorno del nostro partito».

«Propongo – ha proseguito Elisa Romano  che la conferenza regionale sull’ambiente, che si terrà il prossimo 27 febbraio a Cosenza, diventi un tavolo permanente su cui dibattere delle problematiche ambientali e soprattutto delle azioni da intraprendere per provare a dare  tempestivamente risposta alle stesse. Noi ci auguriamo che possa partire una nuova fase politico programmatica per i Verdi Calabria»

Sulla stessa lunghezza d’onda di Elisa Romano anche Immacolata Federico, che ha dichiarato: «Resistere, credere e lottare. Queste le parole che devono caratterizzare il congresso affinché si possa puntare a una rinascita nel nostro territorio. Per poter lasciare qualcosa ai nostri figli e dare speranza a quei giovani senza futuro che ormai non credono più in una politica pulita, ricordando loro che il nostro ambiente e la nostra terrà sono tutto ciò che abbiamo e in essa dobbiamo investire».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *