Redazione Paese24.it

I cittadini insorgono ma il Tar li stoppa, respinta la class action sul servizio ferroviario regionale

I cittadini insorgono ma il Tar li stoppa, respinta la class action sul servizio ferroviario regionale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

treniNon finisce nel migliore dei modi la class action, portata avanti da alcuni cittadini calabresi, volta a richiedere una maggior qualità ed efficienza del servizio ferroviario regionale. Il Tar del Lazio, infatti, ha rigettato il ricorso, avendo accertato che la Regione non è isolata e «pertanto non si può  imporre di mantenere attivi  collegamenti che non garantiscono un equilibrio economico».

«Pur consapevoli della delusione per il mancato accoglimento della domanda giudiziale – ha scritto in una nota l’avvocato Maria Cecilia Gerace, che ha seguito da vicino la class action – vogliamo evidenziare alcuni risultati positivi raggiunti. La Calabria non è più completamente isolata come nel dicembre 2011. Da giugno 2012 sono stati ripristinati molti collegamenti tra la Calabria e il centro-nord Italia; ad ottobre 2012 è stato notificato il ricorso al TAR e a dicembre dello stesso anno  il Ministero ha  comunicato che sulla linea jonica era allo studio la fattibilità di introdurre un collegamento Reggio Calabria – Taranto da giugno 2013, poi effettivamente realizzato».

«Il risultato concreto ottenuto nel maggio-giugno 2012 – si legge ancora nella nota – ha consentito di realizzare l’aspirazione che aveva spinto a promuovere l’azione collettiva: smentire  il luogo comune che i calabresi sono un popolo di individualisti, rassegnati, criminali:  22 semplici cittadini hanno rivendicato le loro ragioni  promuovendo secondo le forme previste dall’ordinamento giuridico  un’azione collettiva e  nel processo sono intervenuti  più di mille utenti,  i comuni di Brancaleone, Roccella, Bianco, Stignano, Gerace, l’I.e.s.t. (Istituto Europeo Superiore Turismo), A.t.a. (Amici Turismo e Ambiente),   U.n.p.l.i. (Unione Nazionale Pro Loco) di Reggio Calabria e consorzio (pro loco) Riviera dei Gelsomini».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *