Redazione Paese24.it

Trebisacce, “L’Albero della Memoria” porta Venezia al Carnevale di Castrovillari

Trebisacce, “L’Albero della Memoria” porta Venezia al Carnevale di Castrovillari
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

OLYMPUS DIGITAL CAMERAL’associazione culturale “L’Albero della Memoria” ha partecipato  al Carnevale del Pollino attirando l’attenzione delle tanti presenti e conquistando uno dei premi messi in palio. Il gruppo mascherato esibitosi per le assiepate vie della città del Pollino era composto da ben 26 figuranti, tra danzatrici e danzatori, più una mascotte, tutti vestiti con abiti della tradizione veneziana, accompagnati da quattro addetti alla sicurezza. L’idea-progetto dell’esibizione era incentrata sul tema “Venezia, la Luna e Noi” sviluppata dalla “maschera-leader” Maria Antonia Bevilacqua insieme a tutto il gruppo di figuranti, coordinati come dal presidente e fondatore dell’associazione “L’Albero della Memoria” il professore Piero De Vita coadiuvato dai suoi collaboratori Vincenzo Odoguardi, Angela Malatacca, Romina Lista e Salvatore Silvestri.

Noleggia questa vettura 9 posti per i tuoi viaggi di lavoro di piacere o altro. (guida con patente " B" ). Info:  0981-911485 -  info@idelfiniviaggi.it

Noleggia questa vettura 9 posti per i tuoi viaggi di lavoro o di piacere (guida con patente B). Info:
0981-911485 –
info@idelfiniviaggi.it (Amendolara)

Bellissime le maschere e coloratissimi i vestiti che, secondo una nota redatta dal presidente De Vita: «Raffiguravano Venezia vestita di rosso, sotto la luna curiosa: le donne che danzano con eleganza mentre all’improvviso tutto vaneggia e si spinge oltre l’ordine e l’armonia. Tuttavia Venezia ritorna in auge, con la stessa eleganza e l’autorevolezza di sempre e si…allontana, attratta dalla luna, la magica e simbolica luna in mezzo a noi. Sotto gli occhi della sorella luna – scrive ancora Piero De Vita- si svolge il destino di tutte le donne del mondo: ferite, offese, oltraggiate, uccise. Il rosso, perciò, è anche il colore che simboleggia il femminicidio e ricorda, a noi tutti, quanta strada si dovrà ancora percorrere per la parità, per i diritti, per il riscatto e per il rispetto dovuto alle donne». E’ su questa Idea che si sono ritrovati la “Maschera-Leader Venezia”, tinteggiata di rosso come il suo raffinato vestito, danzatrici e danzatori in maschera, i cui multicolori vestiti sono stati progettati e realizzati dall’artista Maria Antonia Bevilacqua che ha curato, tra l’altro, anche le coreografie, mentre le musiche di accompagnamento sono state scelte e mixate da Rocco De Vita.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *