Redazione Paese24.it

Serra San Bruno. Nesci (M5S): «L’abete più grande d’Europa non si tocca»

Serra San Bruno. Nesci (M5S): «L’abete più grande d’Europa non si tocca»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L'abete di Serra San Bruno«L’abete monumentale del bosco dell’”Archiforo”, nel comune di Serra San Bruno (Vibo Valentia), non si tocca». Lo dice a chiare lettere la deputata M5S Dalila Nesci, originaria del Vibonese, appresa la notizia del probabile taglio della pianta, che servirebbe, pare nelle previsioni del sindaco Bruno Rosi, a risanare il bilancio comunale. «L’albero – sottolinea la parlamentare Cinque Stelle – è probabilmente il più imponente d’Europa, per quanto si apprende dalla stampa. Misura più di 55 metri e ha una circonferenza alla base di 5,5 metri. Liberarsene per ragioni di cassa è un reato tremendo, cui può pensare soltanto chi ha un’assoluta insensibilità e non sa neppure da dove viene l’aria che respira».

«Voglio sperare – puntualizza la deputata calabrese – che ci sia un errore, che il sindaco di Serra San Bruno non si sia spinto sino a questo punto e ci eviti l’ennesimo scandalo calabrese, stavolta senza appello». «Per troppo tempo – conclude Nesci – abbiamo assistito al disboscamento selvaggio, all’odio viscerale della politica verso la meravigliosa natura della Calabria, cantata per esempio da Virgilio, Goethe, Alvaro e Wenders e demolita da personaggi politici senza spessore e senza scrupoli. L’ambiente e la foresta calabrese sono una risorsa, una ricchezza di vita che non permetteremo più di inquinare, distruggere o vendere per denaro, soprattutto per riparare a fallimenti amministrativi di generazioni di politici».

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *