Redazione Paese24.it

Nuova Ss 106, potrebbe slittare l’inizio dei lavori. Anas disposta a fare un passo indietro?

Nuova Ss 106, potrebbe slittare l’inizio dei lavori. Anas disposta a fare un passo indietro?
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Seriamente a rischio, a seguito delle crescenti resistenze pubbliche e private, l’inizio dei lavori della nuova S.S. 106? E’ quello che si dice in giro ed è quello che temono quanti, da tempo disoccupati, aspettano con ansia l’apertura dei cantieri per assicurarsi un posto di lavoro e quanti, a vario titolo, aspettano il passaggio di questo ultimo treno, ritenuto in grado, attraverso tutto l’indotto, di vivacizzare e dare una boccata di ossigeno all’economia locale. Basta infatti dare uno sguardo al sito istituzionale del ministero dell’Ambiente, a cui come è noto è demandato il compito di dare il via ai lavori e quindi ad indire la Conferenza dei Servizi per la cantierizzazione dell’opera, per accertarsi che sul tavolo del Ministero sono arrivate oltre 300 istanze, da parte di enti locali e di privati cittadini, che chiedono al Ministero di bloccare i lavori e di verificare a fondo la compatibilità ambientale dell’opera.

ss106_jonicaDi fronte a tutte queste resistenze il ministero potrebbe infatti decidere il congelamento dei lavori e, visti i tempi che corrono, anche di dirottare altrove i finanziamenti, anche perché le voci di quelli che sono favorevoli alla realizzazione dell’opera, sia per la ricaduta occupazionale che per interrompere finalmente la catena delle vittime falcidiate dalla tristemente nota strada della morte, sono molto più poche di numero e molto più flebili nei decibel. A parte la tenacia dell’ingegnere Fabio Pugliese, lo strenuo difensore delle vittime della S.S. 106, autore del libro tematico “Chi è Stato?”, che continua quotidianamente a chiamare alle proprie responsabilità i decisori istituzionali, pochi altri, enti locali e privati cittadini, si fanno sentire ritenendo prioritaria l’esigenza di realizzare l’adeguamento della S.S. 106 per accrescere il livello di sicurezza di un’arteria elevatasi nel corso degli anni al ruolo di serial-killer. Di fronte e tutte queste resistenza pare che l’Anas sia disposta a ritornare sui suoi passi. Risultano infatti incoraggianti le voci provenienti dal quartier generale dell’Anas che, anche a seguito anche della lodevole concertazione istituzionale, pare voglia venire incontro alle richieste dei sindaci e dei possessori dei terreni, accogliendo gran parte delle opere compensative richieste dai comuni e soprattutto riducendo il più possibile l’impatto ambientale e lo sfregio del territorio, evitando così, contemperando le esigenze degli uni e degli altri di alimentare contrapposizioni e conflitti sociali.

Noleggia questa vettura 9 posti per i tuoi viaggi di lavoro o di piacere o altro. (guida con patente " B" ). Info:  0981-911485 -  info@idelfiniviaggi.it

Noleggia questa vettura 9 posti per i tuoi viaggi di lavoro o di piacere (guida con patente B). Info:
0981-911485 –
info@idelfiniviaggi.it (Amendolara M.)

Secondo voci molto attendibili provenienti da Roma l’Anas sarebbe infatti disposta a ri-abbassare “la livelletta” del profilo stradale, ad accogliere così gran parte delle richieste dei comuni ed a trasformare in gallerie artificiali gran parte dei tratti stradali che il progetto definitivo prevedeva “in trincea”. Con le gallerie artificiali il territorio verrebbe “offeso” solo in profondità e verrebbe invece salvaguardata la continuità territoriale e ne guadagnerebbe anche l’impatto estetico dell’opera. Il passo indietro dell’Anas sarà in grado di stemperare le tensioni e accelerare i tempi della Conferenza dei Servizi? E’ presto per arrivare a queste conclusioni, ma è quello che si augurano un po’ tutti.

Share Button

4 Responses to Nuova Ss 106, potrebbe slittare l’inizio dei lavori. Anas disposta a fare un passo indietro?

  1. Domenico Pittino 2014/04/05 at 11:13

    Siamo alle prese con l’atavico dilemma: siamo pesce o carne? Nel senso …che purtroppo non siamo nelle condizioni di patteggiare quasi niente. I numeri parlano chiaro …e la realta’ ci dice che non possiamo ne’ dobbiamo perdere tempo. In poche parole: limitiamo eventuali danni, certo, ma dobbiamo essere consapevoli che non possiamo avere la moglie ubriaca e la botte piena. Bisogna lasciare qualcosa, e credo, che in cambio di posti di lavoro …qualcosina e’ nostro dovere sacrificarlo.

    Rispondi
  2. Enrico Riccitelli 2014/04/05 at 16:04

    La strada serve ma con le gallerie, senza e’ un suicidio. La responsabilita’ di tale situazione e del rischio di perdita di posti di lavoro non e’ dei ricorrenti, ma del progetto iniziale disatteso. Nel colpevole silenzio di amministrazioni e organi d’informazione, che avrebbero dovuto fare fronte comune sulle gallerie ben prima della presentazione del progetto finale. Oggi avremo probabilmente avuto gallerie e lavoro.

    Rispondi
  3. Vincenzo Martello 2014/04/05 at 23:43

    Possibile che non c’è ancora il tracciato da vedere su internet?

    Rispondi
  4. Vincenzo 2014/04/05 at 23:59

    Seguo la questione a distanza, anche se ho degli interessi in zona, e mi trovo completamente in sintonia con il commento del sig. Riccitelli senza tralasciare il fatto che il tracciato più opportuno sarebbe stato quello in affiancamento della E90 esistente a parte il tratto Amendolara -Roseto.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *