Redazione Paese24.it

Ospedale Trebisacce, potrebbe riaprire il Pronto Soccorso. Goffe promesse elettorali?

Ospedale Trebisacce, potrebbe riaprire il Pronto Soccorso. Goffe promesse elettorali?
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Ex Pronto Socc. TrebyBuone nuove per la nostra sanità, o le solite promesse pre-elettorali che non si tramutano mai in fatti concreti? E’ quello che si chiedono quei cittadini dell’Alto Jonio che ancora riescono a ragionare con la propria testa e senza le lenti deformate dell’appartenenza politica in presenza delle notizie provenienti dalla regione Calabria secondo le quali dal ministero della Salute, avendo il “tavolo Massicci” accertato per il 2013 una riduzione delle spesa sanitaria di circa 31milioni di euro, sarebbe arrivato finalmente il via libera per procedere al turn-over il cui divieto finora impediva l’assunzione di personale al posto di chi andava in pensione e si può quindi procedere all’assunzione di 380 operatori sanitari (medici ed infermieri).

Altra notizia positiva, secondo quanto ha annunciato lo stesso Scopelliti nel corso della conferenza-stampa di ieri, riguarderebbe la rete ospedaliera ed in particolare la rimodulazione degli ospedali “di montagna” e l’apertura del Pronto Soccorso nei due ospedali “di confine” di Trebisacce, sullo Jonio, e di Praia a Mare, sul Tirreno. Considerati i tempi che corrono la notizia non può che fare piacere ed essere salutata finalmente come un provvidenziale cambio di rotta rispetto a quanto è avvenuto negli ultimi anni durante i quali si sono verificati solo tagli di strutture e di servizi. Questa volta però il presidente Scopelliti non si è fatto prendere dall’enfasi e non si è sbilanciato più di tanto, contrariamente ai solenni impegni assunti prima dell’ultima tornata elettorale quando aveva pubblicamente annunciato che nei due suddetti ospedali sarebbero state riaperte, oltre al Pronto Soccorso, anche alcune divisioni ospedaliere.

Noleggia questa vettura 9 posti per i tuoi viaggi di lavoro o di piacere o altro. (guida con patente " B" ). Info:  0981-911485 -  info@idelfiniviaggi.it

Noleggia questa vettura 9 posti per i tuoi viaggi di lavoro o di piacere o altro. (guida con patente B). Info:
0981-911485 –
info@idelfiniviaggi.it (Amendolara M.)

Oggi si parla solo dell’apertura del Pronto Soccorso e per altro, cosa abbastanza inquietante, solo durante la stagione estiva. Aperti cioè durante l’estate (4/5 mesi) per garantire l’emergenza-urgenza anche ai turisti e chiusi invece durante gli altri 7/8 mesi dell’anno durante i quali non sarebbe consentito ammalarsi. Le notizie provenienti da Catanzaro, sono circolate quasi in tempo reale sul web e naturalmente hanno suscitato commenti di vario genere. C’è chi ha ironizzato sul divieto di farsi cogliere da un’emergenza sanitaria durante l’inverno e chi ha parlato della solita strofetta della montagna che avrebbe partorito il topolino. Certo, considerata la situazione di partenza ed i tagli feroci inflitti finora alla sanità in questa zona periferica della Calabria, le notizie delle ultime ore, non possono che far piacere, anche perché all’assunzione di nuove figure mediche e paramediche che rendono possibile il riavvio, seppure stagionale, del Pronto Soccorso, corrispondono anche sgravi fiscali per le popolazioni calabresi in quanto, sempre secondo quanto ha dichiarato il presidente Scopelliti, la riduzione della spesa sanitaria consentirebbe l’eliminazione in busta paga, già dal 2014, delle addizionali Irap e Irpef che finora gravavano, per circa 53milioni di euro, sulle buste-paga e sulle pensioni dei poveri calabresi, più che nelle regioni virtuose dal punto di vista della spesa sanitaria.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *