Redazione Paese24.it

Corigliano, Forza Italia “sprona” Giunta Geraci: «Subito soluzione per mantenere Giudice di Pace»

Corigliano, Forza Italia “sprona” Giunta Geraci: «Subito soluzione per mantenere Giudice di Pace»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Forza Italia di Corigliano critica l’operato della Giunta Geraci sulla questione del Giudice di Pace. Secondo il partito di Berlusconi «L’esecutivo persevera nel chiudersi in una coltre di silenzio ingiustificato, che determina apprensione negli operatori della giustizia e nei cittadini tutti». «Forza Italia – si legge nel comunicato – esprime perplessità  circa la condotta dell’amministrazione comunale in carica, che sembra non solo sfuggire al diritto/dovere di trovare una soluzione idonea alla problematica oggetto di discussione ma, aspetto ancor più grave, si sottrae ai principi di trasparenza e di partecipazione democratica nella gestione della cosa pubblica». Secondo Forza Italia, inoltre, ci sarebbero le condizioni per tenere in vita  l’ufficio del Giudice di Pace, poiché  «i costi di gestione sono limitati a spese di cancelleria e ad attività ordinaria. Il personale destinato al medesimo ufficio, infatti, può essere attinto dall’attuale dotazione organica dell’ente e formato per le mansioni richieste, attraverso specifici corsi organizzati e finanziati dal Ministero della Giustizia. A conti fatti sulle casse comunali non gravano costi onerosi, ragion per cui riteniamo opportuno che l’amministrazione comunale comunichi al Ministero della Giustizia entro il 30 Aprile prossimo la volontà di mantenere l’ufficio del Giudice di Pace, indicando voci di spesa (utenza telefonica, Enel, ecc.) personale e locali». Forza Italia non ha mancato di riservare una stoccata ai rappresentanti Sel di Corigliano, con l’invito a  evitare «scontri che a nulla portano, se non a frammentazione e divisioni inutili che infastidiscono i cittadini, gli stessi sempre più lontani dalla politica e dai partiti. Al rappresentante di Sel diciamo di porsi in maniera propositiva, magari attivando i propri canali politico-istituzionali perchè sia ripristinato l’ex Tribunale di Rossano, su cui il coordinatore di Sel non ha speso una sola parola, come non lo ha fatto per il Gdp di Corigliano se non per entrare in polemica con Forza Italia. E se proprio vuole delle risposte chieda un impegno a chi, del territorio, occupava uno scranno in Parlamento, oggi non certo in quota a Forza Italia, ma espressione dell’attuale Governo Renzi».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *