Redazione Paese24.it

A Trebisacce l’attesa è finita, iniziati i lavori presso il parco archeologico di Broglio

A Trebisacce l’attesa è finita, iniziati i lavori presso il parco archeologico di Broglio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
I lavori presso il Parco archeologico di Broglio

Il Parco archeologico di Broglio

Sono iniziati finalmente i lavori presso il Parco archeologico di Broglio che dovranno rendere fruibile ai visitatori uno dei siti archeologici più noti d’Europa, abitato nel periodo del “Bronzo Medio”, a cavallo tra il VII e l’VIII secolo a.C., dagli Enotri. Si tratta di uno dei popoli italici primigeni, dediti alla coltivazione dell’ulivo e della vite ed alla commercializzazione della ceramica, da cui gli studiosi fanno derivare l’origine del popolo italico. A Broglio, come è noto, hanno indagato per quasi trent’anni gli archeologi dell’Università La Sapienza di Roma guidati prima dal compianto professor Renato Peroni e successivamente dal suo allievo prediletto, il professore Alessandro Vanzetti. Peccato però che tutti i reperti e tutta la dotazione archeologica siano rimasti finora accatastati nei magazzini, mentre gli stessi manufatti di Broglio rischiavano di perire anche sotto l’incalzare dei soliti vandali. L’appalto principale dei lavori era stato perfezionato nel mese di luglio dell’anno scorso e ci sono voluti oltre nove mesi di gestazione perché i lavori prendessero il via. Ora finalmente qualcosa si muove e proprio ieri sono iniziati i lavori a cura dell’Impresa Ital-Costruzioni di Trebisacce che ha avuto in sub-appalto una parte dei lavori dall’impresa aggiudicatrice dell’opera, la società G.P.G. “Archeologia & Restauri” con sede a Melfi (PZ).

BroglioCapannaIl progetto, come è noto, gode di un finanziamento di 500mila euro erogato dal MIBAC (ministero dei beni ambientali e culturali). In particolare il progetto prevede la realizzazione di: pannellistica a terra, tettoie per le fornaci sperimentali e inoltre l’allestimento di materiale didattico e interattivo da interni, creazione di siti web e altri interventi di sicurezza, tra cui, molto importante, un impianto di video-sorveglianza in grado di tenere lontani da luoghi così preziosi i malintenzionati che non mancano mai. La realizzazione dei lavori, se accompagnato da altre iniziative di supporto, comporterà finalmente il decollo del Parco archeologico di Broglio che può costituire per la cittadina jonica una grande risorsa storica, economica e sociale, intorno alla quale sviluppare una moltitudine di attività. Nell’esprimere soddisfazione, il sindaco di Trebisacce Francesco Mundo ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno lavorato al progetto, sia politicamente che tecnicamente, «considerato – ha scritto l’avvocato Mundo – che è stato necessario correggere e rivedere alcune scelte e colmare, anche in tempi brevi, alcune lacune pre-esistenti».

 Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *