Redazione Paese24.it

Tribunale Rossano, i Verdi insistono: «Accorpamento deleterio, ripristinare presidio di giustizia»

Tribunale Rossano, i Verdi insistono: «Accorpamento deleterio, ripristinare presidio di giustizia»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Alberto Romano e Immacolata Federico, rappresentanti dei Verdi di  Rossano

Alberto Romano e Immacolata Federico, rappresentanti dei Verdi di Rossano

A Rossano continuano a nutrire delle speranze in merito alla riapertura del Tribunale. Il tutto mentre da qualche mese ormai è calato il silenzio sul futuro dell’ormai ex presidio di giustizia, situato nel centro storico della cittadina del basso jonio. A intervalli regolari, istituzioni, associazioni e partiti politici del territorio provano a tenere ancora alta l’attenzione sulla questione. In questo caso sono i Verdi  di Rossano a voler fare il punto della situazione, lamentando anche delle carenze strutturali presenti all’interno del Tribunale di Castrovillari.

«Da quando si è insediato il nuovo Governo – hanno spiegato i Verdi – siamo giunti ad una fase di stallo preoccupante per diverse ragioni. Innanzitutto perché non si è ridotto nessun costo per lo Stato, poi perché il libro bianco delle inefficienze e dei disservizi è diventato ormai un tomo da letteratura. Negli ultimi mesi abbiamo visto sui social network foto di fascicoli depositati su pavimenti, di stanze in cui pioveva dentro, di altre in cui i dipendenti erano ammassati, di operai che lavoravano nei lucernari accanto ai bagni delle signore. Senza parlare poi delle difficoltà di trovare parcheggio nei dintorni del nuovo tribunale di Castrovillari. Ma il disservizio più grande è quello della dilatazione dei tempi della giustizia».

«Come avevamo preventivato – hanno continuato i rappresentanti del partito del sole che ride – questo accorpamento con il Tribunale di Castrovillari non ha portato nessun vantaggio alla collettività e alla giustizia. Abbiamo paura di questo silenzio, non vorremmo che i burocrati del Ministero abbiano creato un muro di gomma, non vorremmo che qualche entità oscura lavori per lasciare quest’opera, che mortifica il nostro territorio, che lacera giovani avvocati costretti a viaggiare ogni giorno, che genera sfiducia nei cittadini, “compiuta”».

In chiusura, Alberto Romano e Immacolata Federico della Federazione Verdi di Rossano auspicano «un intervento veloce e risolutivo del Ministro Orlando affinché il Tribunale di Rossano venga ripristinato».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *