Redazione Paese24.it

L’ex ospedale di Trebisacce in balìa del “gioco delle tre carte”

L’ex ospedale di Trebisacce in balìa del “gioco delle tre carte”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si avvicina un’altra competizione elettorale ed ecco arrivare puntuale dalla Regione l’ennesimo proclama: «Saranno riorganizzate le reti assistenziali e presso le Case della Salute di Trebisacce e Praia a Mare, in considerazione del maggior afflusso di persone nei territori di riferimento, saranno istituiti, limitatamente al periodo estivo, dei Punti di Pronto Intervento h24. Inoltre, – si legge ancora – per migliorare l’efficacia dei PPI sono previsti importanti investimenti destinati a potenziare le postazioni di ambulanze e la realizzazione delle eli-superfici adatte al volo notturno, al fine di integrare l’assistenza ed ampliare la copertura dell’emergenza-urgenza». Come avviene nel famigerato gioco delle “tre carte” ecco scomparire il Pronto Soccorso come aveva promesso a suo tempo l’ormai ex Governatore Scopelliti e ricomparire come per incanto il PPI, ma non come Punto di Primo Intervento (com’era finora), ma come Punto di Pronto Intervento. E sì, perché l’esistenza del Pronto Soccorso, a ben vedere, può essere legittimato solo se esso rappresenta l’anticamera di un ospedale.

delfini mini busMa, sempre restando sul tavolo delle tre carte, ecco comparire il Punto di Pronto Intervento e scomparire la Divisione di Lungodegenza-RSA. Questo perché, sempre secondo quanto si legge nel proclama dell’8 maggio, «le Divisioni di Lungodegenza, in fase di approvazione da parte del Ministero della Salute, vengono sottratte ai CAPT e vengono riallocate nei presidi-Spoke, al fine di garantire che le prestazioni ospedaliere siano fornite da presidi sanitari idonei a permettere il raggiungimento di appropriati standard qualitativi e viene demandata alle strutture territoriali, Case della Salute, l’erogazione esclusiva delle prestazioni territoriali. Ciò consentirà – sempre secondo gli scienziati della Regione – di migliorare l’appropriatezza delle prestazioni erogate e di aumentare la qualità dell’assistenza fornita». Morale: con la mano destra si sottrae a Trebisacce la Lungodegenza-RSA che, con i suoi 30 posti-letto, svolge un servizio essenziale, soprattutto per la popolazione anziana e con la sinistra si concede, si badi, per il solo periodo estivo, quindi solo per amore verso i turisti, un semplice Punto di Pronto Intervento ed il potenziamento di ambulanze e di eli-soccorso. Come dire: chi ha intenzione di farsi cogliere da un accidenti, si affretti: lo faccia solo nel periodo estivo perchè per la rimanente parte dell’anno esiste solo l’ambulanza.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *