Redazione Paese24.it

Trebisacce, dolci note nel ricordo della piccola Sofia

Trebisacce, dolci note nel ricordo della piccola Sofia
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Una borsa di studio per ricordare la piccola Sofia Castagnaro. L’evento, giunto alla sesta edizione, è promosso dall’Accademia musicale ‘Gustav Mahler’ di Trebisacce (CS), diretta dal maestro Francesco Martino, ed è fortemente voluto dai genitori di Sofia (l’avvocato Franco Castagnaro e la moglie Donatella) per ricordare la figlia deceduta ancora adolescente.

«La piccola Sofia – ha ricordato la dottoressa Claudia Panno, collaboratrice dell’Accademia – eccelleva tanto nel profitto scolastico quanto in quello musicale ma, soprattutto, si prodigava in favore dei compagni più bisognosi. Lei già da  bambina  aveva le idee abbastanza chiare: da grande voleva intraprendere il lavoro di medico. Più che un lavoro, per lei piccolo angelo in terra e oggi in cielo era una missione: il suo intento era quello di andare a curare i bambini e le persone più bisognose in Africa». Delfini viaggi

L’edizione 2014, sotto la responsabilità affidata alla maestra Ivana Comito e alla collaboratrice dell’Accademia (la già citata Claudia Panno), è partita in concomitanza con l’inizio dell’anno accademico, con in gara studenti di età compresa tra i nove e diciotto anni, che al profitto musicale abbinano anche quello scolastico. I ragazzi che hanno aderito all’iniziativa sono in tutto 29 e si stileranno dei giudizi con tanto di voto alla presenza della commissione, composta dai maestri e dalla collaboratrice dell’accademia, dai coniugi Castagnaro e da alcuni docenti di Conservatorio. Il tutto sotto l’occhio vigile del Direttore dell’Accademia, il maestro Francesco Martino. Il maestro, tra l’altro, aveva già intuito le potenzialità di Sofia, tanto che, quando la bambina aveva soli 7 anni, chiese ai genitori di incoraggiare la sua passione, al fine di farla  iscrivere al Conservatorio.  Le prime selezioni della VI edizione della Borsa di Studio “Sofia Castagnaro” sono partite ufficialmente domenica 27 aprile. Due le categorie di partecipanti: bambini (categoria A: 9-14) e adolescenti(categoria B: 15-19) divisi quindi in due fasce di età.

«La borsa di studio – ha spiegato la Panno – intende invogliare i ragazzi allo studio della musica classica e allo studio scolastico, in una complessiva crescita culturale. Musica e cultura come elementi fondamentali per una sana formazione delle giovani generazioni, per costruire una società più sana e civile. La borsa di studio vuole essere anche un momento di ritrovo, di studio dell’arte della musica come accompagnamento musicale per le loro scelte che prenderanno nel loro percorso, e di riflessione per come la vita sia casuale. Ci tengo a sottolineare, cosi come vogliono i genitori di Sofia, che per la borsa di studio non debba esserci competizione tra i ragazzi, ma solo avvicinamento alla musica». La prossima verifica avverrà alla fine di maggio, per poi essere tutti pronti il 15 giugno 2014 al Teatro Valle di Oriolo alle ore 17:30, per la fase finale della manifestazione, dove si potranno ascoltare le dolci note dei ragazzi, accomunati dal ricordo di Sofia.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *