Redazione Paese24.it

Europee in Calabria, vittoria zoppa per Pd. Anche Scopelliti a casa. L’unica calabrese a Bruxelles è “grillina”

Europee in Calabria, vittoria zoppa per Pd. Anche Scopelliti a casa. L’unica calabrese a Bruxelles è “grillina”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

laura-ferrara-del-movimento-5-stelleIl Nuovo Centrodestra va in Europa ma Scopelliti rimane a casa: è infatti arrivato a un passo dal traguardo ma non è riuscito a tagliarlo. L’ex governatore, rimasto per il momento un disoccupato politico, si è classificato terzo nella lista del NCD della Circoscrizione meridionale, dietro l’irraggiungibile Lorenzo Cesa (56.558 preferenze) e l’aquilano Filippo Piccone, che si è attestato oltre la soglia dei 42mila voti. Scopelliti si ferma invece a 41.758 preferenze e conosce perciò la sua prima cocente sconfitta politica della sua vita. Se gli alfaniani mandano a Bruxelles Cesa e Piccone, con Scopelliti che rimane a casa, nemmeno il PD regionale può festeggiare: nessun calabrese, nonostante la messe di voti del PD, conquista infatti un biglietto per Bruxelles.

Nella circoscrizione meridionale, i democrat conquistano 6 seggi, con il primo calabrese, l’uscente Pino Arlacchi, che si piazza all’ottavo posto con quasi 81mila preferenze. Nono Mario Maiolo, il più votato in Calabria con più di 71mila preferenze. Ma non sono bastati per raggiungere il risultato. Undicesimo posto anche per Mario Pirillo, fermo a 62.893 voti. Le consultazioni europee segnano invece il trionfo del lucano Gianni Pittella (primo con più di 231mila preferenze) e della campana Pina Picierno, che supera abbondantemente i 220mila voti.

estock_commonswiki_139803_o-600x363-11Conquista invece il suo seggio Laura Ferrara (nella foto), unica calabrese candidata dal Movimento 5 Stelle e unica rappresentante regionale. La cosentina si piazza al secondo posto nella circoscrizione Sud, con circa 52.491 voti. Per i grillini della regione è forse una delle poche note positive. Flop anche per Forza Italia, che non riesce a portare nessun calabrese in Europa. I berlusconiani ottengono un risultato risibile. Tra loro il primo è Santo Mercuri, che scivola all’undicesimo posto con 16.545 voti. Ancora più in basso Maria Tripodi (tredicesima con 15.795 voti) e Giovanni Arena (14esimo, 12.965). Va ancora peggio per la lista Tsipras: nessun seggio per i calabresi.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *