Redazione Paese24.it

Trebisacce, Mundo a sindaci della zona: «Fermiamo aumento tariffa per smaltire i rifiuti»

Trebisacce, Mundo a sindaci della zona: «Fermiamo aumento tariffa per smaltire i rifiuti»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

trebisacce-51L’aumento spropositato imposto dalla Regione ai Comuni del costo del conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani è illegittimo ed il provvedimento va subito impugnato. Ne è convinto il sindaco di Trebisacce Francesco Mundo il quale, attraverso una lettera, ha invitato i colleghi sindaci dell’Alto Jonio e della Sibaritide a sostenere l’iniziativa avanzata dal comune di Trebisacce di impugnare davanti all’autorità giudiziaria la decisione adottata unilateralmente dal Dipartimento Regionale delle Politiche Ambientali. Contro l’ingiustificato ed esoso aumento (raddoppiato per i rifiuti solidi urbani e addirittura triplicato per la frazione umida) si era già schierato il delegato all’Ambiente Gianpaolo Schiumerini. Ora il pallino è passato nelle mani del sindaco il quale ritiene il provvedimento iniquo dal punto di vista politico e illegittimo sotto il profilo giuridico perché, a suo dire “non si può disporre dell’aumento del costo del tributo per ripianare un debito pregresso. Si tratta infatti – ha aggiunto l’avvocato Mundo – dell’ennesimo estemporaneo provvedimento della Giunta-Scopelliti, a conferma della completa assenza di progettazione e di programmazione da parte della Regione Calabria. Si ricorda infatti – ha aggiunto il sindaco Mundo – che la pubblica amministrazione, per un principio generale di finanza pubblica, non può applicare costi superiori a quelli pagati per garantire il servizio e, nel caso di specie, la Regione Calabria-Assessorato all’Ambiente, richiede un aumento superiore al dovuto e di saldo dell’arretrato, per cui l’atto stesso è da ritenersi illegittimo. Né, peraltro, – ha commentato il sindaco di Trebisacce – si giustifica finanziariamente il costo per il futuro. In ogni caso è chiara la sproporzione tra le somme imposte ai comuni e l’inadeguatezza del servizio offerto. Tale ingiustificato aumento, peraltro, rischia di dissestare ulteriormente le finanze dei comuni e finisce per penalizzare quei comuni virtuosi che operano in regime di raccolta differenziata. Riteniamo pertanto opportuno – ha concluso il sindaco Mundo – concordare unitariamente un incontro, non solo per stigmatizzare l’ingiusto e illegittimo aumento, quanto per determinarci in ordine ad un’eventuale azione giudiziaria contro la Regione Calabria e per sollecitare un incontro urgente con l’Assessore Pugliano al fine di scongiurare l’ennesima drammatica emergenza ambientale in vista dell’imminente stagione estiva».

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *