Redazione Paese24.it

Guida Blu Legambiente. Male la Calabria. Solo una vela per Trebisacce, neo bandiera blu

Guida Blu Legambiente. Male la Calabria. Solo una vela per Trebisacce, neo bandiera blu
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

OLYMPUS DIGITAL CAMERAGuida Blu 2014: per Legambiente la regina delle spiagge calabresi è Roccella Jonica (Rc), unica località balneare a salire sul gradino più alto ed a conquistare le “5Vele”, confermando così la Bandiera Blu assegnata dalla FEE. Unica località calabrese a vincere ed a confermare le “4Stelle” è Scilla (Rc). Troppo poco però, per una regione come la Calabria dotata di risorse naturali immense non adeguatamente valorizzate. Nell’Alto Jonio le spiagge più gratificate da Legambiente sono Amendolara e Rocca Imperiale che conquistano “3Vele”; “2Vele” vengono assegnate a Corigliano e Rossano; “1 Vela” viene assegnata a Roseto e Trebisacce mentre le altre località balneari restano all’asciutto.

Per Legambiente sul gradino più alto del podio per l’annualità 2014 salgono 14 località turistiche distribuite su tutto il territorio nazionale, con la Sardegna che fa la parte del leone con ben 5 spiagge collocate nella top-ten. Sfogliando la Guida Blu 2014 redatta come sempre da Legambiente in collaborazione con il Turing Club il lettore può trovare le località balneari marine premiate con il massimo dei voti che sono appunto le “5 Stelle”. Non si tratta del partito di Grillo, ma del riconoscimento che Legambiente assegna a quelle località che nel 2013 sono riuscite ad offrire vacanze da sogno e di qualità, grazie alla qualità delle acque, alla gestione sostenibile del territorio, alla salvaguardia del paesaggio, alla ricettività alberghiera ed ai servizi offerti ai turisti nel pieno rispetto dell’ambiente insieme ad una eno-gastronomia d’eccellenza.

delfini mini busOvviamente i criteri ed i parametri di valutazione adottati da Legambiente sono diversi da quelli utilizzati dalla FEE per l’assegnazione della Bandiera Blu, per cui ogni anno si riscontrano divergenze e contraddizioni che talvolta finiscono per alimentare futili polemiche e piccole gelosie. Succede infatti che una località turistica insignita della Bandiera Blu non figuri per niente nella Guida Blu. In ogni caso è sempre meglio conquistarlo il podio che rimanere all’asciutto, a condizione però di saperlo legittimare e mantenere perché l’esperienza insegna che è meglio non salirci sul podio che doverne scendere l’anno dopo.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *