Redazione Paese24.it

Corigliano, serra in abitazione per coltivare cannabis. Quattro arresti

Corigliano, serra in abitazione per coltivare cannabis. Quattro arresti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
La marijuana ritrovata nell'abitazione degli arrestati

La marijuana ritrovata nell’abitazione degli arrestati

Ennesimo intervento, da parte dei carabinieri di Corigliano, per contrastare la detenzione e lo spaccio di stupefacenti. I carabinieri della compagnia della città della Sibaritide, nella mattinata di giovedì 26 giugno e nel corso di un servizio finalizzato al contrasto dei reati connessi al traffico di droga, hanno arrestato, per il reato di produzione e detenzione illecita di sostanza stupefacente, quattro persone, nate in Romania, dello stesso nucleo familiare. J. S., quarantatreenne, M. Z., di quarantanove anni, E. B. di sessantasette anni e E. S. di quarantaduenne. I primi tre, espletate le formalità di rito, sono stati trasportati presso la casa circondariale di Castrovillari, mentre E. S. è invece agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, su disposizione dell’autorità giudiziaria. Deferiti, inoltre, due minori: D. D. S., diciasettenne e A. Z., di soli quindici anni.

Nello specifico, i militari, nella località di Contrada Apollinara, hanno rinvenuto, durante una perquisizione presso l’abitazione degli arrestati e il magazzino adiacente,  sei  piante di cannabis indica, dell’altezza media di due metri circa. All’interno di un magazzino, inoltre, quattordici piante essiccate del peso di circa quattro chilogrammi e tre involucri contenenti seicento grammi di marijuana. Lo stupefacente, ovviamente, è sottoposto a sequestro.

L’intero nucleo familiare aveva organizzato la loro abitazione al fine di coltivare lo stupefacente in una serra appositamente costituita ed occultata. Lo stupefacente, successivamente, veniva lavorato, tagliato e custodito all’interno di un magazzino attiguo all’abitazione, al fine di rivenderlo.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *